Pensioni d'oro, la Lega frena M5S: rivedremo il testo, obiettivo è contributo di solidarietà oltre 4000 euro

Martedì 14 Agosto 2018
«Alla base della proposta di legge firmata da me e dal capogruppo M5s c'è il principio per cui si fa un ricalcolo delle pensioni oltre i 4000 euro netti, senza fare espropri proletari o penalizzare chi è andato in pensione prima. Se l'applicazione della norma porta effetti diversi da quelli desiderati, lavoreremo con i tecnici del Parlamento e del ministero - che ha le tabelle - per correggerla». Lo dice il capogruppo della Lega Riccardo Molinari, interpellato al telefono sulle polemiche nate dalla proposta di legge sulle pensioni alte.

«Quello depositato è un testo base su cui lavorare: l'idea di fondo è un ricalcolo per arrivare di fatto, solo per il retributivo delle pensioni sopra i 4000 euro netti, a un contributo di solidarietà a favore delle pensioni minime», aggiunge Molinari. «Era anche nel programma elettorale del centrodestra - sottolinea - la Meloni lo dice da anni. Noi abbiamo sostenuto la proposta dei Cinquestelle, concordando un'impostazione che non penalizzi chi è andato in pensione prima e loro sostengono la nostra flat tax».


 Ultimo aggiornamento: 17 Agosto, 12:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA