CORONAVIRUS

Coronavirus, quando si potrà viaggiare? Dal mare agli aerei, ecco cosa succederà (non prima di luglio)

Giovedì 16 Aprile 2020 di Mauro Evangelisti
Coronavirus, quando si potrà viaggiare? Vacanze solo da luglio. E c'è chi fa i test sierologici ai passeggeri in aereo

Più luglio che giugno. E soprattutto non prenotate nulla che non sia cancellabile gratuitamente. Perché ancora quello che ci riserva il futuro prossimo alle voci vacanze, turismo, viaggi, è indecifrabile. A luglio andremo in spiaggia, probabilmente in Italia, più facilmente nella nostra regione, ma dovremo rispettare le distanze.

Salire su un aereo sarà più complicato: c’è l'ipotesi di mantenere il posto di mezzo (nelle file da 3 degli Airbus 320 o dei Boeing 737) vuoto, ma comunque se mai torneremo a volare in giugno, sarà tutto molto più lento, dai controlli di sicurezza, in cui dovremo mantenere le distanze, alle operazioni di imbarco. Alcune compagnie aeree hanno già avviato delle misure drastiche: Emirates a Dubai su alcuni voli ha svolto dei test sierologici rapidi per verificare se vi fossero passeggeri positivi a Covid-19. Ma il nodo vero è un altro: gran parte dei paesi, dal Portogallo alla Thailandia, hanno chiuso le frontiere e anche quando dovesse esserci una parziale riapertura - non prima di giugno - comunque è possibile che alcune nazioni impongano un periodo di quarantena di 15 giorni a chi arriva dall’Italia.

LEGGI ANCHE Coronavirus, Sicilia contraria allo stop oltre il 3 maggio 

E qui si entra in un terreno minato: è un problema con cui dovremo imparare a convivere, ma nei prossimi mesi, quando si potrà gradualmente tornare a volare, in giro per il mondo noi italiani saremo visti con diffidenza, anche irrazionale, perché arriveremo da un paese del mondo tra quelli che hanno avuto più morti per Covid-19 e più infetti. Potrebbe non essere piacevole, ma lo stesso potrebbe succedere - irrazionalmente - a un turista di Bergamo che deciderà di andare in vacanza in Sicilia.

Nelle spiagge romagnole si prova a pensare a una ripartenza, studiano l’introduzione della figura dello steward di spiaggia (che aiuti a mantenere le distanze). Nel Lazio la Regione ha dato il via libera ai balneari per le operazioni di manutenzione e pulizia delle spiagge con la speranza di un’apertura della stagione quando il lockdown sarà terminato. Ma ciò che cambierà, almeno per il 2020, sarà il concetto stesso del viaggio. I grandi hotel dovranno investire sulle operazione per disinfettare ciclicamente i luoghi pubblici, ma ad esempio rischiano di scomparire se non per sempre, per lungo tempo, rituali come il pasto a buffet con centinaia di turisti che si riuniscono e sgomitano.

LEGGI ANCHE Una lunga storia d'amore. il mini-video per rilanciare il turismo 

A Ibiza, una delle mete del turismo per eccellenza, già sono stati persi 4mila posti di lavoro, una parte degli hotel ha deciso che non aprirà questa estate: anche se a giugno o luglio sarà dato il via libera ai turisti, non sarà conveniente per i proprietari di alcuni alberghi organizzarsi per rispettare tutte le norme di sicurezza. Difficile anche che le grandi discoteche possano accogliere decine di migliaia di persone in un luogo chiuso.
 


Michael O’Leary, numero uno di Ryanair, è convinto che ciò che si sta perdendo quest’anno, sarà recuperato nel 2021 perché dopo lo stop ai viaggi tutti saranno desiderosi di partire. Alcune grandi operatori, a chi aveva prenotato la vacanza, stanno offrendo il rimborso o, in alternativa, un voucher che consentirà una vacanza a prezzi molto convenienti per il dopo coronavirus. In molti stanno scegliendo la seconda opzione, perché prevale la voglia di viaggiare.

Ultimo aggiornamento: 17:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA