Nomine Rai, salta tutto un'altra volta: contro M5S-Pd sulla Paterniti, i grillini vogliono il controllo sui talk

Giovedì 20 Febbraio 2020 di Barbara Jerkov
Fabrizio Salini, ad Rai

Caos Rai, ennesimo rinvio sulle nomine ai telegiornali con i grillini che reclamano la nuova superdirezione dei talk show. Se per Mario Orfeo al Tg3, dopo un lungo tira e molla con M5S, alla fine non c’erano più problemi, nella notte è stato il destino di Giuseppina Paterniti a far saltare lo schema faticosamente portato avanti dall’amministratore delegato Fabrizio Salini.

LEGGI ANCHE Rai, maxi-multa da 1,5 milioni dall'Agcom: «Mancanza di imparzialità e pluralismo»

La direttrice del Tg3 doveva infatti diventare la nuova direttrice di Rainews24 con Antonio Di Bella destinato alla nuova super direzione degli approfondimenti informativi della Rai: i talk show, tutti, da Porta a porta alla Berlinguer. Ma i 5Stelle nella tarda serata di ieri hanno puntato i piedi chiedendo di destinare la Paternitti proprio agli approfondimenti facendo però a questo punto infuriare Pd e lo stesso Di Bella. Così tutto verrà rinviato al prossimo Cda (o forse anche più in là).

Curioso comunque notare che tutti i direttori nominati in quota Lega (Sangiuliano al Tg2, Casarin alla Tgr , Bubbarelli allo Sport ) sarebbe rimasti al loro posto nonostante la Lega non sia più al governo, continuando ad essere il partito maggiormente rappresento nelle direzioni Rai. 

Ultimo aggiornamento: 20:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA