Rave, manifestazioni escluse nel decreto: ok alla pena massima di 6 anni alle intercettazioni

L'emendamento del governo riscrive il testo e cambia anche il numero dell'articolo, non più il 434 bis, ma il 633 bis

Rave party, cambia il decreto: escluse le manifestazioni. Restano pena massima di 6 anni e intercettazioni
Rave party, cambia il decreto: escluse le manifestazioni. Restano pena massima di 6 anni e intercettazioni
Mercoledì 30 Novembre 2022, 13:23 - Ultimo agg. 16:21
2 Minuti di Lettura

Decreto rave, arriva la modifica. L'emendamento del governo riscrive il testo e cambia anche il numero dell'articolo (non più il 434 bis, ma il 633 bis). Il reato viene limitato a «chiunque organizza e promuove l'invasione arbitraria di terreni o edifici altrui, pubblici e privati, al fine di realizzare un raduno musicale o avente altro scopo di intrattenimento» quando «dall'invasione deriva un concreto pericolo» per la salute o l'incolumità pubblica a causa dell'inosservanza delle norme su droga, sicurezza e igiene. Si specifica così il tipo di occupazione, escludendo quelle degli studenti o le altre manifestazioni pubbliche.

Armi all'Ucraina, invio prorogato sino a dicembre 2023: ok alle mozioni della maggioranza e di Pd-Terzo Polo

Rave party, cambia il decreto

Resta invece la pena massima di 6 anni per chi organizza o promuove l'occupazione di terreni o edifici per lo svolgimento dei rave. Rimane pertanto possibile attivare le intercettazioni telefoniche nelle indagini sui presunti organizzatori e promotori dell'evento. Oltre alla reclusione da 3 a 6 anni, è prevista una multa da mille a 10mila euro ed è «sempre ordinata la confisca delle cose che servirono o furono destinate a commettere il reato, nonché delle cose che ne sono il prodotto o il profitto».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA