Renzi: «Le mie dimissioni vere. Sostenere le destre o 5 stelle sarebbe un clamoroso e tragico errore»

ARTICOLI CORRELATI
22
  • 380
«Le elezioni sono finite, il Pd ha perso, occorre voltare pagina. Per questo lascio la guida del partito. Non capisco le polemiche interne di queste ore. Ancora litigare? Ancora attaccare me?». Lo scrive su Facebook il segretario del Pd, Matteo Renzi, dopo l'annuncio di dimissioni congelate arivato ieri in seguito alla batosta elettorale.

«Nei prossimi anni il Pd dovrà stare all'opposizione degli estremisti - prosegue Renzi -. Cinque Stelle e Destre ci hanno insultato per anni e rappresentano l'opposto dei nostri valori. Sono anti europeisti, anti politici, hanno usato un linguaggio di odio. Ci hanno detto che siamo corrotti, mafiosi, collusi e che abbiamo le mani sporche di sangue per l'immigrazione: non credo che abbiano cambiato idea all'improvviso. Facciano loro il Governo se ci riescono, noi stiamo fuori». 

«Per me il Pd deve stare dove l'hanno messo i cittadini: all'opposizione - sono ancora parole dell'ex premier -. Se qualcuno del nostro partito la pensa diversamente, lo dica in direzione lunedì prossimo o nei gruppi parlamentari. Senza astio, senza insulti, senza polemiche: chi vuole portare il Pd a sostenere le destre o il Cinque Stelle lo dica. Personalmente penso che sarebbe un clamoroso e tragico errore. Ma quei dirigenti che chiedono collegialità hanno i luoghi e gli spazi per discutere democraticamente di tutto». 

«Quanto a me. Leggo di tutto, ancora una volta - continua Renzi -. Qualcuno dice che le dimissioni sarebbero una finta, qualcuno che starei per andare in settimana bianca. Le dimissioni sono vere, la notizia falsa. Mi stupisce che certe cose diventino l'apertura dei siti, emozionino le redazioni, intrighino i giornali. Parlare di me - ancora - è inspiegabile. Sono altri, adesso, a guidare il Paese: occupatevi di loro, amici dell'informazione».

«Io ho già detto cosa farò: il parlamentare semplice, cercando di rappresentare al meglio quei cittadini che mi hanno onorato della loro fiducia e tenendomi in contatto con le tante esperienze belle che vivono nella nostra società. 
Lo farò con il sorriso e lo farò con la consapevolezza di dover dire solo grazie per questi anni bellissimi: nessuno ci porterà via i risultati straordinari raggiunti - conclude il leader dem -. E cercherò di fare del mio meglio per il mio Paese anche dall'opposizione. Basta polemiche, viva l'Italia».

 
Martedì 6 Marzo 2018, 13:52 - Ultimo aggiornamento: 07-03-2018 09:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 22 commenti presenti
2018-03-07 08:57:32
Bè il Partito Democratico ( ? ) è in stallo e Renzi da buon rigattiere li porta alla canna del gas con la mossa dell’arrocco . . , che tutti però hanno capito . . ! Ma nonostante ciò “ il giochino che già era stato stipulato in qualche segreta stanza ( fra Matteo e Silvio) del doppio gioco a spese degli alleati ufficiali “ , che Di Maio ha scombussolato come Primus inter pares ha scatenato l’ira funesta del Segretario Dem nei confronti del Movimento 5 Stelle che l'ha spodestato insieme agli Italiani tutti del posto di tronista nell’Emiciclo Politico . Questa volta però i dannati, chi ne faranno le spese sono tutti gli appartenenti al suo stesso partito in primis tutta la Segreteria ossia i vertici e i portatori d’acqua dell’ex suo mulino . . e a seguire tutti gli iscritti PD che da Maggioritari si trasformano in clochard !
2018-03-07 08:37:10
Ma stai zitto che vi siete divisi L italia come una pizza a fette Slice? forse lui non lo sa ma e' stata l ultima marionette lo hanno messo li' al momento giusto era il tipo di turno adesso e' da rottamare ma lui non ci sta... Renzi il gioco e' finito vai a casa adesso L Italia e' di nuovo divisa in due tra il nord ed il sud , e' unita soltanto geograficamente RIVOGLIAMO I NOSTRI SOLDI date al Sud quello che avete rubato piu' di un secolo fa. e non e' finita qui, io prevedo che L italia finalmente sara' divisa in due e ritorneremo liberi finalmente liberi dall oppressione di un governo fondato soltanto dai nordisti. Prima di morire come Italiana io vorrei vedere L italia come era Il Regno di Napoli ed il Regno delle due Sicilie c'e' un detto che dice la storia si ripete e cosi' sara'...
2018-03-06 22:30:33
Ma poi, in fondo, perché si dovrebbe appoggiare un qualsiasi Governo, che sia pentastellato o di Destra? Il PD ha problemi di consenso e più che imbarcarsi in una ennesima avventura, in cui, tra l'altro dovrebbe fare da stampella ma senza condivisione di una linea, già tracciata e sigillata ante suffragium, ha bisogno di rafforzarsi. Visto che stare all'opposizione, non per altro, ha fruttato tanto ai Cinquestelle, bene, che sia all'opposizione. Di Maio recalcitra, poverino, e recalcitrano alcuni nel PD, a quanto si vocifera, perché forse si sentono già orfani del potere. Ma bisognerà ascoltare quelli che compongono la Direzione, come bisognerà prendere in considerazione tutti i segnali che vengono dai veri elettori PD. Perché quelli degli ex ormai sono livorosi, visto che sono quelli di traditori. Il deluso non si volge subito altrove.
2018-03-06 18:39:49
Ma se Salvini apre a sinistra poi chi manda via gli extra comunitari?
2018-03-06 18:35:12
Ritengo accettabile una alleanza di governo col M5S per proseguire con le riforme del paese.Se non altro per evitare che lo faccia la Lega e per rimanere saldi in Europa.Su lavoro e migranti le distanze sono colmabili.

QUICKMAP