Renzi contro le fake news della politica: «Basta con questa bolla populista che danneggia il Paese»

di Mario Ajello

6
  • 26
Quanto stanno incidendo le fake news sulle scelte degli elettori e quindi sui sistemi democratici? Quali rimedi si possono adottare per non cader e nei tranelli delle democrazie illiberali? Oggi pomeriggio, a Milano, Matteo Renzi chiama a raccolta per parlare di questo i Comitati di azione civile, che sono circa 900 in tutta l’Italia e insieme all’ex premier - ma in maniera esterna rispetto al Pd - cercano di rappresentare un’Italia che vuole uscire da quella che chiamano “la bolla populista” che danneggia il Paese. Eccoli allora al teatro milanese Elfo Puccini questi comitati civici. Il tema è quello di un derby: il vero contro il virale. E se le due cose coincidono, tanto meglio. Una giornata un’opposizione anzitutto culturale, insomma, contro «questo governo e contro le fake news», dice Renzi. Convinto che “in questa vittoria di Salvini c’è una cosa positiva, e cioè che cresce la voglia di lottare e di battersi. E noi siamo pronti a lottare con i Comitati civici e con i nostri amministratori e con chi è impegnato nel Pd per restituire all’Italia il gusto di dare il meglio di sé”.

Poi ci sarà la decima edizione della Leopolda, dal 18 al 20 ottobre. Intanto - spiegano gli organizzatori della permesse milanese - i nostri Comitati Civici sono uno strumento per un impegno civile in prima persona, per mettere in rete la propria passione, le proprie idee, la voglia di difendere la democrazia e quei principi costituzionali che abbiamo ricevuto in prestito da chi ci ha preceduto perché fossero trasmessi a chi verrà dopo di noi”. E ancora, come si legge nei documenti di questo civismo renziano: “Siamo un argine ai nazionalismi e ai totalitarismi. Un movimento dal basso contro la paura, la chiusura, la superstizione, l’odio, l’intolleranza, l’ignoranza e l’arroganza”. E ancora: “Siamo un luogo di ragionevolezza e di speranza di resistenza civile, il luogo dell’Italia che ha cura e protegge i suoi valori e che crede in se stessa”.

La kermesse sarà stasera chiusa dal discorso di Renzi, previste migliaia di persone e il tutto esaurito all’Elfo. Ed è vero che questa non è una corrente del Pd e nemmeno un altro partito però c’è una vera e propria piattaforma politica alla base dei comitati. Sull’Europa puntano assai: “L’Europa è un sogno a cui non vogliamo rinunciare. Difendiamolo e rendiamolo realtà”. Oppure: “Sapere e Ricerca sono i soli antidoti all’oscurantismo e alla superficialità di maghi e imbroglioni”. E via così tra sostegno allo sviluppo sostenibile e “difesa della vera informazione”. E quanto alla giustizia: “Una vera giustizia passa solo dalle garanzie dello Stato di diritto, contro l’ingiustizialismo e la deriva da Far West”. E proprio su questi temi della legalità, del giustizialismo e delle garanzie, Renzi stasera batterà moltissimo.
Venerdì 12 Luglio 2019, 09:01 - Ultimo aggiornamento: 12-07-2019 14:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2019-07-13 07:48:42
appena si da l'occasione, tira fuori la testa! ormai è finito, rassegnati anche se è dura e difficile, ma provaci che ti fatà bene!
2019-07-12 13:40:00
Insomma e proprio vero che l’erba amara e dura a morie. Renzi che è stato capace di portare il partito cosa non facile in condizioni che tutti conosciamo. Bene la sua presenza, altrimenti salvini come sarebbe possibile salire qualche gradino in più. Con tutto quello che è stato capace non capisco con quale faccia si presenta ancora ai lettori per chiedere consenso per continuare dove era rimasto. Certo che la destra dovrà tenerne conto di questo signore che senza di lui sarebbe ancora li a gridare dai banchi dell’opposizione, avanti cosi.
2019-07-12 12:06:27
Ma, in sostanza, io non ho capito cosa vogliano fare.
2019-07-12 12:56:06
quello che fanno da 30 anni, propaganda ed un bel niente!
2019-07-12 11:39:58
il sud premia chi vuole tenerlo in una posizione di sudditanza rispetto al nord, nessuno si informa di quello che sta succedendo e di come, con le sue politiche, sta tramando perché il meridione cammini sempre con una marcia in meno!!!!!!!!

QUICKMAP