Renzi lascia il Pd, il gelo di Palazzo Chigi: «Scelta dei tempi singolare»

Renzi, Conte perplesso per la scissione: «Scelta tempi singolare»
ARTICOLI CORRELATI
8
  • 8
Palazzo Chigi esprime «perplessità» per la scissione di Renzi. Questo trapela da fonti del governo che riportano il pensiero del premier Giuseppe Conte. E mentre il segretario dem Nicola Zingaretti definisce un errore l'addio al partito dell'ex presidente del Consiglio, Luigi Di Maio derubrica la questione a un fatto interno al Pd: «Per noi - dice - non è un problema». 

Zingaretti: scissione Renzi un errore e ci dispiace ma ora pensiamo agli italiani
Renzi, Di Maio: scissione Pd non è un problema, andiamo avanti

«Il presidente Conte, nel corso della telefonata ricevuta ieri sera da Matteo Renzi, ha chiarito di non volere entrare nelle dinamiche interne a un partito. Ha però espresso le proprie perplessità su una iniziativa che introduce negli equilibri parlamentari elementi di novità, non anticipati al momento della formazione del governo. A tacer del merito dell'iniziativa, infatti, rimane singolare la scelta dei tempi di questa operazione, annunciata subito dopo il completamento della squadra di governo», sottolineano fonti di Palazzo Chigi.

«Se portata a compimento prima della nascita del nuovo esecutivo, questa operazione, niente affatto trascurabile, avrebbe assicurato un percorso ben più lineare e trasparente alla formazione del governo. Il Presidente incaricato avrebbe potuto disporre di un quadro di riferimento più completo per valutare la sostenibilità e la percorribilità del nuovo progetto di governo che ha presentato al Paese», spiegano da Palazzo Chigi. «Le considerazioni del Presidente del Consiglio si fermano qui. Virgolettati o ragionamenti che in questo momento vengono attribuiti dai mezzi di informazione al Presidente Conte sono destituiti di ogni fondamento», sottolineano le stesse fonti.

Salvini: scissione Pd una storia annunciata, Renzi è il nulla

Scissione Pd, la svolta di Renzi e i paragoni storici

«Nessuna sorpresa. Di certo per noi non rappresenta un problema, anche perché le dinamiche di partito non ci sono mai interessate. Lavoriamo per gli italiani, solo a loro dobbiamo dare risposte», dice il leader del M5S, Luigi Di Maio. «Ogni singolo eletto del M5S ha un solo obiettivo, risolvere le problematiche dei cittadini. E ora che il governo è al completo dobbiamo lavorare con serietà e determinazione e portare a casa altre importanti misure per il Paese come il taglio dei parlamentari».
 
Martedì 17 Settembre 2019, 12:27 - Ultimo aggiornamento: 17-09-2019 20:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2019-09-17 18:57:37
....dopo la "salvinata" di agosto ecco la "tronfiata" di settembre. chissà ad ottobre....
2019-09-17 18:48:01
fare peggio del governo precedente é molto difficile sia funzionalmente che moralmente. E ne stiamo pagando le consegienze da subito. Odio e Violenza, razzismo, sono solo i primi risultati. Speriamo che il buon senao regga; Renzi nom ne ha avuto
2019-09-17 18:47:10
La politica è diventata una cosa schifosa: cosa vuol dire esco dal PD ma resto nel governo. Significa solo una cosa o mi dai questo o sono libero di votare contro perchè non stò all'interno del PD. Renzi si dimostra proprio piccolo!! Prima favorisce l'accordo e ora farà di tutto per screditare Zingaretti con richieste di governo oscene sperando di diventare nuovamente capo del partito.
2019-09-17 18:44:29
ha fatto bene? certo che ha fatto bene a lasciare, un covo di vipere sul carro del vincitore una volta e adesso tutti che pugnalano alle spalle, il male del mondo moderno e' la gelosia e l'invidia; auguri di lunga vita commander in chief e non dimenticare un bacio a maria elena da parte mia)
2019-09-17 16:02:18
Vediamo questo governo esiste da 2 settimane, primi provvedimenti: riaprire i porti e riempirci di clandestini da mantenere, impugnare legge del Friuli Venezia Giulia che aiuta le assunzioni degli italiani e che agevola i rimpatri dei clandestini, spartirsi le poltrone, litigare, chiedere all'Europa di fare più debito che sempre noi dobbiamo pagare, mandare in soffitta la flat tax cioè il taglio delle tasse, però mettere più soldi sui migranti, creare nuovi partiti, tassare gli italiani tipo prelievo sul bancomat, tagliare i servizi con medici e infermieri che mancano negli ospedali e insegnanti che mancano nelle scuole, ma allargare l'accoglienza ai migranti con più personale nei centri che negli alberghi 5 stelle. E poi questi si stupiscono che Salvini vince le elezioni.

QUICKMAP