Rosatellum, Toninelli (M5S): «Sarà Parlamento dei nominati dai partiti». Renzi: «Tu hai preso 9 preferenze»

Giovedì 26 Ottobre 2017
Preferenze e pluricandidature

«Il segretario del Pd, oltre a aver consegnato al Paese una legge palesemente incostituzionale, continua a mentire. I cittadini, infatti, grazie a quest'obbrobrio, non potranno scegliere un bel nulla perché il Parlamento sarà pieno di nominati, indicati nelle segreterie di partito». È quanto afferma in una nota il deputato M5S, Danilo Toninelli. «Non ci sembra, infatti, che Renzi farà le primarie per scegliere i candidati nei collegi uninominali. Per quanto riguarda le preferenze, inoltre, nella scorsa campagna elettorale io giravo con delle magliette per dire di non votare me ma per i sindaci, ma capisco che, per uno come lui che ha tradito i suoi elettori, pur di rimanere attaccato alla poltrona, queste sono cose che non può capire». «Inoltre, il fatto che un candidato possa prendere più o meno preferenze - conclude l'esponente pentastellato - non giustifica il fatto che siano abolite e che si impedisca agli elettori di scegliere chi mandare a rappresentarlo nelle istituzioni. Ma questo sistema, come la fiducia imposta in entrambe le Camere sulla legge elettorale, ricorda da vicino quello usato ai tempi del fascismo». 

Per il segretario del Pd Matteo Renzi il punto è un altro, e a proposito delle preferenze che nell'ultima discussione sulla legge elettorale il M5S non ha voluto inserire, dice: «Io sono sostenitore o delle preferenze o dell'uninominale secco. La cosa divertente è che in questi giorni sento autorevoli dirigenti del M5S farci la morale sul fatto che mancano le preferenze, quando tal Danilo Toninelli, quando si è candidato con le preferenze, ha preso 9 voti a Crema». E sulle pluricandidature ha aggiunto: «È un aspetto che non mi piace, ma c'era anche prima. Meglio avere una legge che una legge uscita dalla Consulta». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA