Ruby ter, pm di Roma chiede processo per Berlusconi e Apicella

21
  • 37
La Procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio per Silvio Berlusconi e per il cantante Mariano Apicella nell'ambito di uno dei filoni, giunto da Milano per competenza nella Capitale, dell'indagine Ruby ter. L'accusa nei confronti dell'ex presidente del Consiglio è di corruzione mentre Apicella risponde di corruzione e falsa testimonianza.

Secondo l'accusa Berlusconi avrebbe pagato il cantante per indurlo a falsa testimonianza sul caso «olgettine». In base all'impianto accusatorio la prima dazione di danaro sarebbe avvenuta a Roma. In totale il cantante napoletano, che avrebbe partecipato a feste organizzate ad Arcore, avrebbe percepito illecitamente complessivamente 157 mila euro. Il processo è stato fissato al prossimo 9 maggio davanti al gup Angela Gerardi. Il procedimento romano è lo stralcio di una indagine condotta dalla Procura di Milano e poi «spacchettato» il 29 aprile del 2016 dal gup meneghino che ha inviato gli atti, oltre che a Roma, anche a Torino, Pescara, Treviso, Monza e Siena per competenza territoriale.
Mercoledì 7 Febbraio 2018, 12:21 - Ultimo aggiornamento: 08-02-2018 14:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 21 commenti presenti
2018-02-07 22:31:03
scapricciatiello - se al posto del pregiudicato, per evasione fiscale ci fosse stato un povero cristo, avrebbe preso 30 anni senza condizionale, la sua fortuna è di essere nato in italia, se nasceva negli stati uniti ora sarebbe in galera, e con tutti i suoi reati avrebbe condanne per 120 anni!!!
2018-02-07 19:56:37
Attenzione con i commenti , ci sono i POLLICI VERSO che mal digeriscono la pastiglia Silvio.
2018-02-07 16:10:26
Non vorrei essere volgare. Ma quanto gli è costata finora a Berlusconi questa Ruby?
2018-02-08 16:55:06
mi preoccupa quanto sia costata a noi
2018-02-07 15:17:17
tutto il battage mondiale sulla vicenda Ruby era basato sulla concussione che secondo la bokassa fu perpetrata da Berlusconi alla funzionaria della questura quella sera ; rappresentava il piatto " forte " della eventuale condanna ; bene , al processo l'accusa decadde perche' l'ispettrice di polizia nego' la telefonata di Berlusconi creando le proteste risentite e, contraccambiate , della bokassa che rappresentava la pubblica accusa ; in sostanza un processo Inutile che non aveva ragione di iniziare .....tutte le repliche successive sono squallidi tentativi di tenere un vita un qualcosa di morto e sepolto , al solo scopo politico ....ma il 4 marzo si avvicina

QUICKMAP