Forlì, ​Salvini parla dal balcone come Mussolini, il sindaco: «Scimmiotta il Duce»

Forlì, ​Salvini dal balcone di Mussolini, il sindaco: «Scimmiotta il Duce»
ARTICOLI CORRELATI
10
  • 164
«Usare il balcone del Municipio su piazza Saffi per parlare a una (per la verità scarsa) platea di un comizio sembra scimmiottare le adunate anteguerra del regime. Cosa che per Forlì, che ha nella sua piazza principale un luogo di rispetto e memoria per i partigiani che qui vennero impiccati e per il sacrario alle vittime della guerra, è semplicemente inaccettabile».



Lo ha scritto ieri sera su Facebook il sindaco di Forlì, Davide Drei, commentando il fuoriprogramma di Matteo Salvini ieri impegnato in un comizio in città. Causa pioggia il suo intervento non si è tenuto in piazza ma in salone comunale, col vicepremier salito sul balcone per parlare alla folla. Un momento che Salvini stesso ha immortalato con un tweet stamattina commentando «Uno spettacolo ieri sera! Comizio sotto l'acqua affacciato dal balcone sulla piazza principale di # Forlì! Se lo sa la Boldrini...». Quello a cui si è assistito a Forlì, ha sottolineato il sindaco Drei su Facebook, «è qualcosa di penoso».

 
«Usare la funzione di ministro dell'Interno per usare ogni spazio al di fuori dei regolamenti comunali, confondendo il ruolo istituzionale con quello del segretario di un partito, è un dispetto ai valori costituzionali basilari su cui si fonda l'Italia. Una brutta serata purtroppo per la nostra città - conclude Drei - un pessimo modo di fare campagna elettorale, non all'altezza della storia democratica di Forlì». Di «sfregio» alla città parla anche la Cgil locale: uno sfregio, scrive il sindacato in una nota, in particolare «alla Piazza intitolata alla memoria di Aurelio Saffi che custodisce il sacrario ai caduti per la libertà a memoria dei 465 giovani partigiani morti per restituire la Democrazia e la libertà alla nostra città e al nostro Paese».
 
Sabato 4 Maggio 2019, 13:35 - Ultimo aggiornamento: 5 Maggio, 09:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2019-05-04 21:46:52
Se L’utilizzo del balcone è vietato dai regolamenti comunali, mi chiedo: qualcuno ha impedito l’utilizzo? O si è preferito far innescare la polemica a posteriori? Se poi su quel balcone parlava alle folle Mussolini, cari amici del pd che amministrate la città, proponetene l’abbattimento... poi a seguire anche il Colosseo... Campo dei Fiori... etc etc
2019-05-05 11:52:04
L’utilizzo del balcone è vietato per fini di parte (comizi elettorali) non per quelli istituzionali. Un ministro può legittimamente accedervi. Se poi una volta sul balcone smette di essere figura istituzionale e diventa capo di un partito politico, non rispetta le regole e fa un uso distorto della sua funzione né più né meno di colui che utilizza l’auto di servizio per fare la spesa. In quanto alla sua proposta di abbattimenti stia tranquillo: anni fa tra l’abbattimento del balcone e quello di Mussolini gli italiani hanno scelto di abbattere il secondo.
2019-05-04 19:24:42
Che Forlì sia rossa o ex rossa lo decideranno gli elettori forlivesi, ma è comunque irrilevante. Che poi 75 anni fa da quel balcone abbia parlato Mussolini per qualcuno può essere un’aggravante per qualcun altro semplicemente un precedente. Il regolamento del Comune di Forlì vieta A TUTTI di utilizzare i balconi del municipio per fini elettorali. Salvini ha ritenuto di essere al disopra della Legge, invoca norme sempre più severe per gli altri ma, quando rispettarle toccherebbe a lui, se le mette sotto i tacchi. Aprite gli occhi finché siete in tempo.
2019-05-04 18:38:20
Se a breve ci saranno altre elezioni saremo rovinati! Non sanno più cosa promettere ma per correttezza potrebbero sospendere l'attività parlamentare in modo da essere più liberi senza essere accusati di assenteismo dal proprio dicastero. Salvini stà battendo tutti i record di presenze ai comizi elettorali: rischia un esaurimento nervoso perchè non sa sa più neanche quando dormire.
2019-05-04 17:04:51
Semplicemente imbarazzante. Più leggo di questo pseudo ministro e più mi vergogno di essere italiano

QUICKMAP