Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

MATTEO SALVINI

Salvini, l'ipotesi (e le smentite) del viaggio a Mosca: il gelo di Giorgetti e la frenata della Lega

Martedì 3 Maggio 2022 di Francesco Malfetano
Salvini, l'ipotesi (e le smentite) del viaggio a Mosca: il gelo di Giorgetti e la frenata della Lega

L’accoglienza riservatagli in Polonia, con il sindaco di Przemysl che gli ha regalato una maglietta con la faccia di Putin, potrebbe non essere bastata a Matteo Salvini. Il leader leghista deve infatti aver capito che il suo tentativo di riposizionarsi tra le fila dei sostenitori ucraini “duri e puri” era davvero una missione disperata. E allora, in nome della vecchia amicizia, perché non fare un salto a Mosca

 

Salvini: «Orgoglioso di portare messaggio di pace. Il sindaco polacco? Un po' maleducato»

 

Salvini e l'ipotesi del viaggio a Mosca

Sì, perché secondo fonti diplomatiche Salvini avrebbe chiesto all’ambasciata russa il visto per sè e altri cinque o sei esponenti del Carroccio. Una ipotetica missione - il condizionale è d’obbligo - che inevitabilmente, anche solo ventilata, genera imbarazzi e contrasti. Da un lato infatti quella leghista sarebbe la prima delegazione politica occidentale a volare a Mosca da quando è iniziata la sanguinosa invasione dell’Ucraina (Se si escludono il cancelliere tedesco Olaf Scholz e il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres in visita per i primi colloqui di pace). Dall’altra perché il governo, di cui la Lega è parte integrante, nel caso non potrebbe non prendere una posizione netta contro il segretario di un partito di maggioranza.

 

 

LE REAZIONI

Tant’è che ieri il suo vicesegretario e ministro Giancarlo Giorgetti ha provato a frenare: «Credo che Salvini sia animato da sincere intenzioni e aneliti pacifisti, non mi risulta che sia in programma un viaggio di questo tipo a Mosca - ha detto ieri - Credo che le relazioni diplomatiche internazionali in una situazione come questa richiedano grande prudenza, soprattutto debbano essere coordinate con il governo che la Lega sostiene. Io penso che si chiarirà questa dichiarazione di Salvini, mi sembra da valutare con grande prudenza». 

 

LE SMENTITE


Non solo. Anche lo stesso leader leghista ha smentito le indiscrezioni riluciate dalla stampa: «Nessun visto richiesto o missione organizzata - ha detto stamane - L'obiettivo di arrivare alla pace a qualunque costo, e incontrando tutti come ribadito oggi dal Santo Padre, rimane per me (e per il 74% degli italiani, dati Ipsos) una priorità. Un rinnovato accordo fra Russia, Ucraina, Europa e Stati Uniti deve essere il traguardo di tutti». Una risposta immediata che ben evidenzia l'importanza politica della questione. Del resto una mossa di questo tipo avrebbe per Salvini, che pure ha abituato a qualche colpo di testa inatteso, un impatto potenzialmente devastante in termini di credibilità e consenso. 

Ultimo aggiornamento: 16:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA