MATTEO SALVINI

Vaccino per docenti e bambini, Salvini: «Non scherziamo, le terapie intensive sono vuote»

Giovedì 22 Luglio 2021
Vaccino per docenti e bambini, Salvini: «Non scherziamo, le terapie intensive sono vuote»

L'obbligo vaccinale per insegnanti e personale scolastico, «non serve». Lo ha detto il segretario della Lega, Matteo Salvini, ospite di «Agorà» su Rai3. «Oggi l'80% del personale insegnante è vaccinato, a settembre si arriverà al 90%. Quindi la copertura è ampiamente garantita. Io sono per la spiegazione, la convinzione, l'educazione mai per la costrizione, i licenziamenti, le multe».

 

Salvini: le terapie intensive sono vuote

«Quando sento parlare di obbligo vaccinale per i ragazzini di 12 anni o anche meno, dico calma, non scherziamo con la vita dei nostri figli e nipoti». Lo ha detto il segretario della Lega, Matteo Salvini, ospite di «Agorà» su Raitre. Sull'ipotesi di ridurre il salario o cambiare mansioni ai lavoratori che non accettano di vaccinarsi e non hanno il green pass, fatta circolare dalla Confindustria, Salvini ha aggiunto: «In un momento di crisi economica, con milioni di lavoratori che rischiano di perdere il posto, con partite Iva, professionisti, commercianti e artigiani in difficoltà, come si fa a parlare di licenziamenti, spostamenti o chiusure?». «Leggo di un aumento dei contagi, mi piacerebbe leggere anche che i ricoverati nelle terapie intensive sono diminuiti. Centocinquantasei letti occupati su 8.400 disponibili, meno del 2%. Le terapie intensive sono vuote, perché i giornalisti non ne parlano? Così non si fa un buon servizio all'informazione», ha concluso Salvini.

 

Sul caso di Voghera: «Normale girare con pistola se si ha porto d'armi»

«Se è normale girare con la pistola? Se ce l'hanno 1.300.000 italiani, certificati da questure e prefetture, allora sì». Così Matteo Salvini, ospite di «Agorà» su Rai Tre, commentando il caso dell'assessore della Lega, Massimo Adriatici, che martedì sera a Voghera ha sparato uccidendo un 39enne marocchino.

Omicidio Voghera, Salvini: «Legittima difesa», Letta chiede lo stop alle armi private

«La domanda è bizzarra - ha commentato Salvini - se uno ha il porto d'armi è assolutamente normale. Lasciamo che la magistratura, Polizia e Carabinieri facciano le indagini. Da quello che emerge chi si è difeso» ha agito avendo davanti «un soggetto pregiudicato, clandestino, noto per violenze, aggressioni e atti osceni in luogo pubblico. Non sta a me giudicare, lasciamo che le indagini vadano avanti».

«Naturalmente quando c'è un morto è sempre una sconfitta - ha proseguito Salvini - è sempre un momento di lutto, di preghiera e riflessione però, prima di giudicare o condannare, bisogna andarci molto cauti. Chi ha reagito è un docente universitario di diritto penale e istruttore di forze di Polizia, avocato penalista noto e stimato a Voghera, quindi non penso che Voghera si sia trasformato nel Far West».

 

Video

 

Ultimo aggiornamento: 18:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA