Sgarbi denuncia Carfagna e Bartolozzi: «Insulti inventati, ci vedremo in tribunale»

Venerdì 26 Giugno 2020

Vittorio Sgarbi non molla. Anzi, rilancia. E annuncia che querelerà le deputate di Forza Italia Carfagna e Bartolozzi. «Le sole parole irripetibili che ho pronunciato all'indirizzo delle due indignate di comodo sono:
"ridicola" alla Bartolozzi e "fascista" alla Carfagna. Parole perfettamente aderenti ai loro comportamenti».

Sgarbi espulso alla Camera e portato via di peso: Carfagna: «Insulta le donne». Fico: «Sessismo»
 


 Continua Sgarbi, protagonista ieri di uno scontro molto violento (verbalmente) alla Camera:  «Quanto alla Bartolozzi, ex magistrato, le ho anche evocato il nome di »Berlusconi«, solo per ricordarle che si trova in Parlamento proprio grazie alla generosità di Silvio Berlusconi, l'uomo più perseguitato d'Italia da certa magistratura. Quanto all'ex soubrette in catene Mara Carfagna (lo so, ricordare ciò che siamo stati è sempre un esercizio faticoso) ribadisco che impedirmi di parlare e votare è un atto fascista. Vista la grave diffamazione consumata ai miei danni con accuse false, dovranno portare le prove in un tribunale, il solo luogo in cui si potrà
parlare liberamente di ciò che ho detto, visto che il Parlamento è diventato un luogo di censura e di restrizioni».  

Ultimo aggiornamento: 23:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA