Berlusconi dimesso dall'ospedale: era ricoverato da tre giorni per controlli

Mercoledì 24 Marzo 2021
Berlusconi in ospedale: ricoverato da tre giorni per problemi di salute

Silvio Berlusconi è stato dimesso dall'Ospedale San Raffaele di Milano, dove trovava ricoverato per accertamenti di routine da lunedì scorso. Stamattina, il suo legale, l'avvocato Federico Cecconi, all'inizio dell'udienza del processo milanese sul caso Ruby ter aveva detto che il suo assistito non poteva essere presente «per problematiche di salute». A quanto si apprende da fonti vicine alla famiglia del leader di Forza Italia, l'ex premier sarebbe in buone condizioni. Ad ogni modo, per Silvio Berlusconi potrebbero essere necessari ancora «alcuni giorni» di ricovero e «fra un paio di giorni sapremo meglio» quali sono le sue condizioni, ha aggiunto Cecconi. Già nei mesi scorsi il legale di Berlusconi aveva depositato ai giudici, senza però chiedere legittimi impedimenti, una certificazione medica per problemi cardiaci, tra cui un'aritmia. Il legale, rispondendo ad un'altra domanda, ha spiegato che al momento «non risulta» che l'ex premier, già colpito dal Covid nei mesi scorsi, sia stato vaccinato.

Berlusconi, condizioni ancora sotto controllo: salta il processo Ruby ter. Zangrillo: «Riposo domiciliare assoluto»

L'avvocato Cecconi all'inizio dell'udienza nella maxi aula della Fiera, davanti ai giudici della settima penale (presidente Marco Tremolada), ha voluto «dare atto a verbale che il dottor Berlusconi per problematiche di salute è da lunedì mattina ospedalizzato». Ad ogni modo, così come già avvenuto nelle scorse udienza, la difesa dell'ex premier ha deciso «di non avanzare istanza di legittimo impedimento» per chiedere il rinvio del processo e dunque oggi l'attività in aula va avanti.

Video

Berlusconi dimesso dall'ospedale a Monaco: l'ex premier torna a casa della figlia Marina in Provenza

Da alcuni mesi nel processo milanese sul caso Ruby ter, che vede imputati Berlusconi e altre 28 persone e con al centro le accuse di corruzioni in atti giudiziari e falsa testimonianza, è in corso, come l'ha già definito il legale Cecconi a fine gennaio, «una sorta di monitoraggio processuale delle condizioni di salute» di Berlusconi. Il legale dell'ex premier il 27 gennaio, ad esempio, aveva depositato certificazione medica nella quale si diceva che il leader di Forza Italia, già colpito dal Covid e guarito e poi di nuovo ricoverato per problemi cardiaci, aveva bisogno di riposo «assoluto». Intanto, sempre all'inizio dell'udienza i giudici hanno anche informato le parti che è deceduto nei giorni scorsi l'avvocato Mauro Ruffini, legale di parte civile che assisteva Ambra Battilana e che «sarà depositata più avanti nuova nomina». Oggi avrebbe dovuto essere ascoltato come teste il ragioniere di fiducia dell'ex premier, Giuseppe Spinelli, ma ha presentato istanza di impedimento e la testimonianza ci sarà in altra udienza. Oggi dovrebbero essere ascoltati alcuni testi di polizia giudiziaria e in aula, intanto, si sta discutendo su una perizia tecnica. 

 

 

Ultimo aggiornamento: 25 Marzo, 12:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA