Caso Siri, Salvini vuole evitare la crisi: probabili le dimissioni del sottosegretario

Caso Siri, Salvini vuole evitare la crisi: probabili le dimissioni del sottosegretario
ARTICOLI CORRELATI
di Alberto Gentili

Matteo Salvini ha deciso: non apre la crisi di governo sull’onda del caso del sottosegretario leghista Armando Siri. Certo, il vicepremier è «molto arrabbiato» per lo sgarbo commesso dai 5Stelle e in particolare dal premier Giuseppe Conte che ormai Salvini non considera più super partes. Ma non ha alcuna intenzione di spegnere lui il cerino e di fa cadere il governo giallo-verde su una questione delicata come la questione morale. La prova: per tutta la mattina, non nascondendo la forte irritazione verso Di Maio e Conte, il ministro dell’Interno ha continuato a parlare della decessità di «approvare al più presto la flat tax».

Così, con ogni probabilità, Salvini eviterà anche la conta al prossimo Consiglio dei ministri, quello chiamato a ratificare il il dimissionamento di Siri da sottosegretario. Il voto contrario dei ministri leghisti infatti aprirebbe di fatto la crisi. E l’epilogo più probabile, al momento, appaiono le dimissioni spontanee dell’esponete leghista indagato per corruzione. 

Di Maio, con l’aiuto di Conte è perciò riuscito nell’impresa: un colpo ai fianchi dell’alleato a ridosso delle elezioni su un tema caro ai 5Stelle (il giustizialismo) e in più il vicepremier grillino ha ottenuto la prima vera sconfitta politica di Salvini da quando è nato il governo. Il problema è che questo affondo ha deteriorato ulteriormente i rapporti con gli alleati. Così, anche se Salvini prova a tenere buona la sua squadra, tra i leghisti monta la voglia di rompere con i grillini dopo le elezioni europee. Giugno, insomma, potrebbe essere mese di crisi.
Venerdì 3 Maggio 2019, 12:55 - Ultimo aggiornamento: 4 Maggio, 13:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2019-05-04 11:07:17
Come suo solito "padania is not Italy" non si smente pur di mantenere, e a qualsiasi costo, la poltrona. Gioca di anticipo rispetto al 5S poichè sa che se si vota in Parlamento la decadenza di Siri questa verrebbe votata in maggioranza in quanto i 5S "sono maggioranza". Ed i 5S la voteranno poichè diversamente ne andrebbe della loro stessa esistenza politica.
2019-05-03 21:54:21
che cosa non si fa per la poltrona, si voltano le spalle anche a chi dichiaravamo amico.
2019-05-03 21:13:11
Io dò una cosa a te e tu darai una cosa a me: da scegliere tra statuto speciale regioni nordiste e flat tax. A noi farebbe comodo la flat tax. Solo che per entrambe le opzioni dovremo fare una colletta per trovare i miliardi necessari: prepariamoci a rompere il zinzarolo.
2019-05-03 17:10:34
Cosa non farebbe lo sbruffone per la poltrona!!!!

QUICKMAP