Statua D'Annunzio a Trieste, protesta la Croazia. Dipiazza: «Polemiche incredibili»

Statua D'Annunzio a Trieste, protesta la Croazia. Dipiazza: «Polemiche incredibili»
ARTICOLI CORRELATI
3
  • 9
Trieste dedica oggi una statua a Gabriele D'Annunzio e la Croazia non ci sta. L'inaugurazione cade nel centenario dell'impresa di Fiume, che partita da Ronchi dei Legionari (Gorizia) conquistò Rieka, oggi Croazia. Un gesto interpretato da Zagabria non come una celebrazione del poeta ma come un evento in ricordo di quella che il Paese definisce una «occupazione». La scultura, scoperta questa mattina nella centrale piazza della Borsa, è stata realizzata dall'artista bergamasco Alessandro Verdi e raffigura il poeta pescarese a gambe accavallate seduto su di una panchina mentre è assorto nella lettura. Un'opera fortemente voluta dalla Giunta di centrodestra guidata da Roberto Dipiazza, ma che fin dalla proposta aveva suscitato dure reazioni a livello locale, addirittura sfociate in una raccolta firme online tra detrattori e sostenitori dell'idea. Ma oltreconfine la scelta non è piaciuta e l'affondo del Ministero degli Esteri della Croazia arriva a parlare di un atto «che contribuisce a turbare i rapporti di amicizia e di buon vicinato tra i due Paesi».

LEGGI ANCHE Maturità da somari, all'esame D'Annunzio diventa "poeta water". La Guerra Fredda? Si combatte in Siberia



Per la presidente Kolinda Grabar Kitarovic i rapporti con Roma «si fondano oggi su valori in totale contrasto con tutto quello che ha fatto colui al quale è stata dedicata la scandalosa statua della discordia». «Tutta l'Italia è piena di viali e scuole dedicate a D'Annunzio e tutte queste polemiche che ho sentito mi sembrano davvero incredibili», ha detto gettando acqua sul fuoco il primo cittadino nel corso dell'inaugurazione. «D'Annunzio - ha sottolineato - è stato un grande italiano come ce ne sono stati tanti altri e dobbiamo essere orgogliosi di lui». Polemiche «create artificialmente», gli ha fatto eco Giordano Bruno Guerri, presidente della Fondazione Vittoriale degli Italiani: D'Annunzio viene raffigurato quale «uomo di pace e sta benissimo accanto a Svevo, Joyce e Saba», statue già presenti in città. Da due anni, ha ricordato Guerri, «intrattengo rapporti amichevoli con i musei e l'amministrazione comunale di Fiume, e mi dispiace che le autorità croate abbiano preso come una provocazione l'inaugurazione di una statua di d'Annunzio a Trieste». Intanto, da Nord a Sud, le gesta di D'Annunzio a Fiume vengono ricordate da movimenti di estrema destra.
Nella notte, alcuni manifesti con la sigla 'Vfs', Veneto fronte skinheads, inneggianti all'annessione di Fiume all'Italia sono stati affissi sulla sede del consolato croato in piazza Goldoni a Trieste. Su Twitter, invece, CasaPound Italia annuncia che l'impresa di D'Annunzio viene ricordata «con striscioni in oltre 100 città italiane». Al contrario, a Ronchi alcuni Legionari sono apparsi lungo le vie e sulla toponomastica cartelli antifascisti e anti-D'Annunzio. E mentre giunge il plauso per l'inaugurazione della statua dalla presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, per la dem Debora Serracchiani «serviva saggezza nel gestire un'iniziativa il cui potenziale divisivo si è manifestato subito a Trieste e da qui è deflagrato a livello nazionale».​


 
Giovedì 12 Settembre 2019, 14:32 - Ultimo aggiornamento: 13 Settembre, 08:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2019-09-13 10:39:57
Dopo le foibe e tutto quello che hanno fatto agli istriani si permettono anche di bacchettarci x cio che facciamo nel nostro territorio, e nessuno gli risponde x le rime , DI MAIO dove seiiiiiiii
2019-09-12 17:41:20
Siamo lo zerbino d'Europa tutti gli stati hanno qualcosa da rimproverarci.
2019-09-12 16:46:41
l'auto è donna, ha inoltre una virtù ignota alle donne: la perfetta obbedienza. I Reggenti della Reggenza italiana del Carnaro sono sette come le stelle dell'Orsa che i naviganti chiamano le Guardie d'Italia (il Vate). Le Terre irredente, l'Istria, Pola non è finita bene, caduta come una pera cotta: non avremo bisogno dei nostri, tude necemo nase nedamo!

QUICKMAP