Elezioni Suppletive Roma, vince la Pd D’Elia. Astensione quasi al 90%

Lunedì 17 Gennaio 2022
Suppletive Roma, vince il Pd: Cecilia D'Elia va in Parlamento

L’hanno scelta in pochissimi romani - soltanto un elettore su dieci è andato a votare, con un’affluenza bassissima all’11,33 per cento - ma Cecilia D’Elia (Pd) è da ieri sera uno dei 1.009 grandi elettori del prossimo presidente della Repubblica. L’esponente - vicina al governatore Nicola Zingaretti, oggi responsabile della Consulta femminile del partito e in passato assessore comunale e provinciale - ha stravinto con il 59,4% alle suppletive per la circoscrizione Lazio 1 della Camera, e ha conquistato il seggio lasciato da Roberto Gualtieri, una volta eletto al Campidoglio.

Proprio il sindaco di Roma è stato il primo a chiamarla per complimentarsi. Dietro gli altri sfidanti: ferma intorno al 22,42% Simonetta Matone, ex magistrato e capogruppo della Lega in Assemblea capitolina; al 12,93% Valerio Casini, di Italia viva, consigliere comunale appoggiato anche da Azione, che non ha bissato in centro storico l’ottimo risultato ottenuto da Carlo Calenda alle scorse comunali. Più indietro Beatrice Gamberini di Potere al popolo (3,24%) e il civico Lorenzo Vanni (1,97%), titolare di un caffè molto notonelquartiere Prati.

 

Collegio sicuro

D’Elia partiva favorita nella corsa al seggio lasciato vacante dal nuovo sindaco di Roma. Non fosse altro perché il Lazio 1 - 218 sezioni tra centro storico, Testaccio, Prati, Trionfale e al di là di pezzi della più destrorsa Vigna Clara - è da sempre un collegio blindato della sinistra. Nella seconda Repubblica, e con l’introduzione del maggioritario, soltanto una volta il centrodestra aveva vinto: nel 1994 con Silvio Berlusconi contro l’ex ministro Luigi Spaventa, con Forza Italia fondata da meno di un anno e sull’onda della promessa di «unnuovo miracoloitaliano».

Già dal 1996, da qui, sono schizzate verso l’alto le carriere politiche nazionali di esponenti come Walter Veltroni, Giovanna Melandri o PaoloGentiloni. Mapiù che l’esito della votazione, indicativo è il tasso di astensione: l’11,33 per cento, perché hanno votato soltanto 21.010 persone su oltre 185mila aventi diritto. Mai si è registrato un numero tanto basso. A nulla sono serviti gli appelli dei grandi leader politici per il voto: ieri pomeriggio, e a seggi ancora aperti, MatteoSalvinihainvitato avotare per la candidata del centrodestra Simonetta Matone via social, non incorrendo nella violazione del silenzio elettorale che vale solo per la stampa tradizionale. Mentre il leader dem, Enrico Letta, non è andato oltre il postare (e sempre ieri) una foto della bacheca del seggio, dove aveva appena votato.

D’Elia ci tiene a sottolineare: «Nel 2020 Gualtieri, che quando fu votato era ministro e non si era ancora nel pieno della pandemia, fu stato scelto dal 17 per cento degli elettori. Non ci vedrei messaggi politici rilevanti in questo dato». Invece Matone reputa «la bassa affluenza il frutto della congiura del silenzio, insistentemente praticata dalla sinistra». Con l’elezione di D’Elia il centrosinistra, compresi i delegati regionali, ha 430 voti per l’elezione del presidente della Repubblica: «Concordo con il mandato dato a Letta dall’assemblea - dice la neodeputata - si deve trovare un nome condiviso e, contemporaneamente, un patto di legislatura». 

 

 

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 07:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA