Toninelli e la gaffe sull'auto diesel: «L'ho comprata perché costava meno. Siamo oltre la follia»

Toninelli e la gaffe sull'auto diesel: «L'ho comprata perché costava meno. Siamo oltre la follia»
ARTICOLI CORRELATI
12
  • 647
Il ministro Danilo Toninelli è finito in una polemica scomoda dopo la sua gaffe al Tg2 Motori di qualche giorno fa, quando ha elogiato le auto elettriche criticando le auto diesel, per poi ammettere che sua moglie pochi mesi fa ha comprato proprio una vettura a diesel. Il caso è diventato trend topic su Twitter, e lui ribatte così: «Siamo oltre la follia. Stanno discutendo perfino sul fatto che io abbia comprato una macchina». 

«Ebbene sì, a ottobre ho commesso il crimine di acquistare un'auto usata» diesel, dice Toninelli. Ma «la mia auto nuova non sarebbe stata comunque soggetta al malus in quanto ha emissioni ben al di sotto della soglia limite». Toninelli spiega di non aver scelto un'auto elettrica perchè sui lunghi viaggi ci sono ancora poche colonnine. E specifica: «È una usata a km zero immatricolata a metà 2018. Chiunque, non solo il sottoscritto, oggi comprasse un'auto usata non pagherebbe alcun malus».



«Alcuni mi chiedono perché abbia preso una auto diesel, mentre come Ministero e come Governo spingiamo sull'elettrico. La risposta - afferma - è molto semplice: per ragioni di natura economica. Un'auto usata costava molto di meno di una nuova. Ancora oggi, infatti, continuo a tagliarmi lo stipendio e a condurre la stessa vita che facevo prima di diventare portavoce in Parlamento».
 

«Inoltre, l'auto in famiglia la usiamo principalmente per lunghi viaggi, e oggi in Italia purtroppo non ci sono abbastanza colonnine di autoricarica per l'elettrico. Due problemi che so che mi accomunano a milioni di famiglie italiane. Per questo come governo stiamo spingendo sul pedale dell'acceleratore dei piani di installazione delle colonnine di ricarica e abbiamo introdotto incentivi economici per l'acquisto di auto elettriche».
Lunedì 18 Marzo 2019, 16:25 - Ultimo aggiornamento: 19 Marzo, 12:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 12 commenti presenti
2019-03-19 11:13:47
mi sembra una polemica stucchevole. i diesel euro 6 sono motori "puliti". mai quanto una motorizzazione elettrica ma mi spieghino il sistema di smaltimento delle batterie, i sistemi di ricarica ed il prezzo finale a noi consumatori. insomma l'elettrico nel 2019 in italia se lo possono permettere le classi abbienti, che fanno pochi chilometri e la puzza sotto al naso.
2019-03-19 09:18:03
Commenti del nilla sul nulla solo per andare contro. Come mai non avete riempito i polmoni d'aria e sparato tutte queste cosine intelligenti quando al giverno c'erano i vostri amici? Ipocriti
2019-03-19 09:11:38
Dai commenti vedo che molti si sono posti il problema dello smaltimento delle batterie e della produzione dell'elettricità!!!! Com'è che nessun genio di questo governo spot ci ha pensato??? Probabilmente faranno un condono per chi inquina!!!! Sempre più geniali!!!
2019-03-19 08:51:46
Non voglio difendere il ministro perché è compito suo investire per realizzare una rete di colonnine per la ricarica delle auto elettriche. Ma se avesse comprato un auto elettrica tutti lo avrebbero criticato perché, essendo ministro (e quindi privilegiato), poteva permetterselo. Invece ora lo si critica perché si comporta come farebbero i normali cittadini. Ma non si è sempre criticato il "Palazzo" perché distante dalla gente comune?
2019-03-18 20:21:56
pedalate

QUICKMAP