Veneto, la proposta della Lega: «Bandiera con il leone a tutti nuovi nati»

Una bandiera con il Leone di San Marco a ogni nuovo nato in Veneto, anche «forestiero» ovvero figlio di immigrati, a spese della Regione per fare dei ragazzi i «futuri alfieri della tradizione». Un'idea dal forte carattere identitario, che è stata avanzata da un consigliere regionale della Lista Zaia, Gabriele Michieletto, in una proposta di legge depositata in questi giorni. Il testo propone di modificare la legge regionale del 1975, che regola le esposizioni del Gonfalone e dello stemma della Regione Veneto.

Il «regalo» ai neonati del vessillo con la rappresentazione simbolica dell'evangelista San Marco verrebbe fatto dai sindaci in occasione della giornata della «Festa del Popolo Veneto» istituita da un'altra legge regionale nel 2007 per la «tutela, valorizzazione e promozione del patrimonio linguistico e culturale veneto» e che è stata fissata al 25 marzo di ogni anno. «Lo scopo della proposta di legge è duplice - precisa Michieletto - perché da un lato, senza gravare sulle casse comunali, vengono coinvolti i Sindaci, ovvero i primi cittadini rappresentanti della comunità locale, mentre dall'altro verrebbero coinvolte le famiglie, la colonna portante della comunità stessa, che riceverebbero il simbolo identitario di una Regione orgogliosa delle proprie radici storiche e culturali».

Duplice però è anche la critica che viene dall'opposizione a questa proposta. Graziano Azzalin, esponente del Pd, parla innanzitutto di «fantasia propagandistica della Lega» e ricorda che «mancano i soldi per le scuole paritarie, ma noi regaliamo alle famiglie delle bandiere perché siano orgogliose di essere venete. Immagino facciano i salti di gioia». Il consigliere dem, in seconda battuta, si dice «curioso di sapere se verrà consegnata a tutti i nuovi 'venetì, viste le posizioni della Lega sullo Ius Soli» e comunque «con Salvini il Nord e la Padania sono spariti, prima gli italiani. Quindi, se proprio vuole - conclude - regali ai nuovi nati un tricolore».

La polemica non tocca il presidente leghista del Consiglio regionale, Roberto Ciambetti, che appoggia la proposta di legge sottolineando che «chi nasce in Veneto non è straniero, semmai un foresto che vive e lavora e si integra con i nostri valori ed è benvenuto» e ricorda infine che il vessillo di San Marco «esprime i valori della pace, anzi, li ha scritti dentro. Tutti sono benvenuti, e se un foresto condivide una cultura di lavoro, operosità - ha concluso - è pienamente nostro cittadino».
Venerdì 10 Agosto 2018, 18:12 - Ultimo aggiornamento: 11 Agosto, 19:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2018-08-12 12:24:20
A. Napoli l’iniziativa sarebbe accolta da una bella pernacchia della scuola di de Filippo
2018-08-11 09:45:50
Michieletto segui un consiglio, non uscire nelle ore di forte caldo ed usa un cappellino. Vedi poi quali sono le conseguenze?
2018-08-10 23:29:28
Soldi buttati. Impegnateli x cose più serie.
2018-08-10 21:14:54
beh con i 49 milioni nascosti altro che bandiere col leone!!!!!

QUICKMAP