AstraZeneca, raggiunte 1 mld di dosi in oltre 170 Paesi: «Siamo orgogliosi, ma c'è ancora tanto da fare»

Venerdì 30 Luglio 2021
AstraZeneca, raggiunte 1 mld di dosi in oltre 170 Paesi: «Siamo orgogliosi, ma c'è ancora tanto da fare»

Una corsa inarrestabile quella della lotta al Covid dove le uniche scarpe da indossare per raggiungere il traguardo sono i vaccini. Un miliardo di dosi di vaccino anti- Covid distribuite in oltre 170 Paesi, fabbricato in più di 20 siti di produzione a livello globale incluso il Serum Institute of India. È il traguardo annunciato dall'università inglese di Oxford insieme all'anglo-svedese AstraZeneca: «Una pietra miliare», si legge in una nota dell'ateneo, «nell'ambito di una visione congiunta» mirata a «rendere disponibili al mondo, senza fini di lucro durante la pandemia», il prodotto anche ai «Paesi a basso e medio reddito». «Poiché la produzione di vaccini a vettore adenovirale è complessa e richiede investimenti significativi in ​​infrastrutture e competenze per garantire la sicurezza e la qualità del prodotto - sottolinea l'università - stiamo lavorando insieme ad AstraZeneca per garantire che avvenga un significativo trasferimento di tecnologia tra i siti di produzione globali e le loro catene di approvvigionamento».

Vaccino Covid, domande e risposte: chi e quando dovrà fare la terza dose

«Abbiamo iniziato a creare questo vaccino nel gennaio 2020 senza sapere se sarebbe mai stato necessario - afferma Sarah Gilbert, co-sviluppatrice del prodotto - Aver raggiunto un miliardo di dosi distribuite solo 18 mesi dopo è un risultato fenomenale da parte di AstraZeneca». Sir Andy Pollard, direttore dell'Oxford Vaccine Group, si fa portavoce di una «grande soddisfazione» e di «orgoglio» da parte degli scienziati coinvolti e dei partecipanti alle sperimentazioni che hanno permesso di offrire al mondo «un vaccino salvavita. Rendiamo inoltre omaggio agli sforzi sovrumani dei team di AstraZeneca e del Serum Institute of India, che stanno producendo un numero fenomenale di dosi 24 ore al giorno e le forniscono alle strutture di oltre 170 Paesi. C'è ancora così tanto da fare - aggiunge - e tutti all'interno nella catena di approvvigionamento stanno spingendo» per potenziare ulteriormente questi sforzi, «sapendo che il prossimo miliardo di persone sta aspettando le sue dosi».

Ultimo aggiornamento: 14:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA