Batterio New Delhi, nuovi vaccini per superare la resistenza agli antibiotici che provoca infezioni ospedaliere

Venerdì 25 Ottobre 2019
Batterio New Delhi, nuovi vaccini per superare la resistenza agli antibiotici che provoca infezioni ospedaliere

Vaccini in sviluppo contro i super batteri, per cui gli antibiotici disponibili non funzionano più. Un'emergenza globale, responsabile dell'aumento delle infezioni ospedaliere e causa di 33mila morti l'anno nell'Unione Europa, di cui circa 10mila in Italia. «È nostra intenzione lavorare sempre di più sui vaccini per la resistenza agli antibiotici», sottolinea all'Adnkronos Salute Rino Rappuoli, direttore scientifico e responsabile dell'attività esterna di ricerca e sviluppo di GlaxoSmithKline Vaccines. «La resistenza agli antibiotici è un problema globale - ricorda lo scienziato - che, secondo gli economisti, avrà un impatto sul nostro pianeta altrettanto grande quanto il cambiamento climatico. La cosa ci tocca anche da vicino perché in Toscana - dove Gsk Vaccini ha un Centro di ricerca e sviluppo globale a Siena e uno stabilimento produttivo nella vicina Rosia - facciamo i conti con il batterio multiresistente "New Delhi"». Una nuova minaccia, che fa paura.

LEGGI ANCHE Batterio New Delhi, salgono a 119 i casi in Toscana: «Morti un terzo dei pazienti»
 

«Sono andato a trovare il primario di Malattie infettive all'ospedale di Pisa, Francesco Menichetti - racconta Rappuoli - per valutare la situazione e come intervenire. Per lui, da medico, è come essere tornati a un secolo fa: i pazienti sono come malati terminali di cancro, non c'è più nulla da fare. E infatti c'è un 40% di morti». Oggi Rappuoli incontra di nuovo Menichetti: «Voglio cominciare a lavorare su un vaccino» contro questo patogeno subdolo e aggressivo. «Ma qui si tratta di risolvere un problema locale, dobbiamo puntare a risolvere l'emergenza globale rappresentata dall'antibiotico-resistenza», prosegue.

«Come azienda - spiega Rappuoli - stiamo lavorando a un vaccino per il Clostridium difficile, che stiamo portando in clinica. Inoltre, a Siena il Gsk Vaccine Institute for Global Health (Gvgh), che si occupa dei batteri resistenti agli antibiotici nei Paesi in via di sviluppo, dopo i vaccini per tifo e il paratifo, ha sviluppato un vaccino contro la Salmonella invasiva non tifoidea e sta lavorando ora sulla Shighella. Sono i due batteri al mondo più resistenti agli antibiotici». Il siero contro la malattia da Salmonella invasiva non tifoidea, realizzato con una tecnologia innovativa di Gsk, sarà testato in uno studio clinico di Fase I su adulti in Europa e Africa, condotto dal consorzio Vacc-Int, progetto in partenza all'università di Siena e finanziato dalla Commissione europea. «Un passo importante», commenta lo scienziato. «È nostra intenzione - ribadisce - lavorare sempre di più su questo fronte. Gli antibiotici sono farmaci importantissimi, ma diventano obsoleti nel giro di pochi anni perché i batteri sviluppano subito resistenza. Se potessimo disporre di nuovi antibiotici, sarebbe diverso, ma negli ultimi 40 anni ne sono arrivati solo pochi sul mercato e nessuno si basa su meccanismi innovativi».

«I vaccini, che invece stanno vivendo una sorta di "età dell'oro", devono essere parte integrante della strategia contro questa minaccia. Possono risolvere il problema perché, nonostante vengano usati per decenni e decenni, non si sviluppa resistenza, come abbiamo visto per il vaiolo, che non esiste più, o la difterite», afferma Rappuoli che, con altri scienziati internazionali, ha firmato un editoriale in un supplemento speciale della rivista scientifica 'Pnas'. Una sorta di campagna a livello mondiale, per richiamare l'attenzione sul ruolo dei vaccini nella lotta ai super batteri. «Se si vuole veramente affrontare il problema e risolverlo, servono nuovi antibiotici, ma bisogna investire anche sui vaccini», conclude.

Ultimo aggiornamento: 26 Ottobre, 11:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA