Covid, il bollettino di oggi 12 luglio: 142.967 nuovi casi (mai così tanti da gennaio) e 157 morti, positività sale al 26%. L'Oms: pandemia tutt'altro che finita

Covid, il bollettino di oggi 12 luglio: 142.967 nuovi casi e 157 morti, tasso di positività sale al 26%
Covid, il bollettino di oggi 12 luglio: 142.967 nuovi casi e 157 morti, tasso di positività sale al 26%
Martedì 12 Luglio 2022, 16:02 - Ultimo agg. 14 Luglio, 12:27
5 Minuti di Lettura

Covid, il bollettino di oggi lunedì 12 luglio. Sono 142.967 i nuovi casi di Covid (mai così tanti dal 28 gennaio, ieri erano 37.756) e 157 i morti in Italia nelle ultime 24 ore (ieri 127). È quanto emerge dai dati del ministero della Salute sulla situazione del contagio. Sono stati eseguiti in tutto, tra antigenici e molecolari, 550.706 tamponi con il tasso di positività che si attesta al 26% rispetto al 20% di ieri (ma che riportava i dati di domenica). Era da marzo che non si registrava un numero così altro di tamponi. Sono 375 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, quindici in più rispetto a ieri. Gli ingressi giornalieri sono 58. I ricoverati nei reparti ordinari sono 9.724, rispetto a ieri 270 in più. Gli italiani positivi al Coronavirus sono attualmente 1.350.481, rispetto a ieri 46.463 in più. In totale sono 19.667.320 i contagiati dall'inizio della pandemia, mentre i morti salgono a 169.390. I dimessi e i guariti sono 18.147.449, con un incremento di 97.438.

Scarica il bollettino in pdf

Oms: pandemia tutt'altro che finita

«La pandemia da Covid è tutt'altro che finita». Lo sottolinea l'Organizzazione mondiale della Sanità. Nuove ondate di casi di Covid-19 mostrano che la pandemia «non è affatto finita», ha sottolineato il capo dell'Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, in una conferenza stampa, aggiungendo che «mentre il virus spinge, noi lo dobbiamo respingere»

Occupazione nei reparti sale in 14 regioni

L'occupazione dei posti da parte di pazienti di Covid-19 nei reparti di area medica cresce in 14 regioni. Mentre salgono a 5 le regioni in cui viene superato il 20%: Basilicata (23%), Calabria (30%), Liguria (22%), Sicilia (26%), Umbria (37%). L'occupazione delle intensive, invece, cresce in 4 regioni ma nessuna supera il 10%. È quanto emerge dai dati dell'Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas) dell'11 luglio, pubblicati oggi. Nel dettaglio, in base al monitoraggio, la percentuale di posti letto nei reparti di area medica (o non critica), l'11 luglio, rispetto al giorno precedente, cresce in 14 regioni: Abruzzo (al 16%), Basilicata (23%), Calabria (30%), Campania (18%), Emilia Romagna (15%), Friuli Venezia Giulia (15%), Lazio (14%), Liguria (22%), Marche (17%), Pa Bolzano (18%), Pa Trento (16%), Piemonte (8%), Sicilia (26%), Umbria (37%). È stabile in 7: Lombardia (12%), Molise (13%), Puglia (16%), Sardegna (10%), Toscana (13%),Valle d'Aosta (19%).

L'occupazione dei posti nelle terapie intensive da parte di pazienti con Covid-19, cala in 5 regioni: Basilicata (1%), Calabria (5%), Campania (5%), Sardegna (5%), Valle d'Aosta (0%). Cresce invece, in 4: Liguria (4%), Sicilia (6%), Toscana (5%), Umbria (9%). È stabile in 9 regioni o province autonome: Abruzzo (al 2%), Emilia Romagna (5%), Friuli Venezia Giulia (3%), Lazio (7%), Lombardia (2%), Marche (3%), Piemonte (2%), Puglia (5%) e Veneto (3%). In Molise (3%), Pa Bolzano (1%), Trento (0%), la variazione non è disponibile.

 

I dati delle Regioni

Campania

Sono 18.299 i nuovi casi di Covid emersi ieri in Campania dall'analisi di 63.079 test. Sono 16 i nuovi decessi registrati nel bollettino odierno diffuso dall'unità di crisi della Regione Campania, 4 dei quali sono avvenuti nelle ultime 48 ore e 12 in precedenza, ma registrati ieri. In Campania sono 29 i pazienti Covid ricoverati in terapia intensiva, 704 i pazienti Covid ricoverati in reparti di degenza. 

Piemonte

Sono 8938 di cui 8780 a test antigenico, i nuovi positivi al Covid in Piemonte. Lo rileva la Regione. I tamponi effettuati sono 34917 di cui 33459 test antigenici, il rapporto positivi tamponi si attesta al 25,6% I ricoveri ordinari sono 532 (+ 3 rispetto a ieri), quelli in terapia intensiva 13, - 2 rispetto a ieri. Sei i decessi segnalati di paziente con diagnosi di Covid.

Calabria

Balzo di contagi da Covid in Calabria, con +4.598 ma a fronte di un consistente aumento dei tamponi fatti che nelle ultime 24 ore sono stati 13.929. Il tasso di positività, infatti, varia lievemente rispetto a ieri, calando dal 33,79 al 33,01%. Quattro le vittime, due in meno rispetto a ieri, con il totale che si aggiorna a 2.716. In rialzo - nel saldo tra ingressi ed uscite - anche il numero dei ricoverati, +14 in area medica (315) e +1 in terapia intensiva (11). Gli attualmente positivi sono 59.952 (+3.173), gli isolati a domicilio 59.626 (+3.158) ed i nuovi guariti 1.421. I dati sono comunicati dai Dipartimenti di Prevenzione delle Asp della Regione Calabria. Ad oggi, il totale dei tamponi eseguiti è stato di 3.337.168 con 448.291 positivi.

 

Abruzzo

Sono 4298 i nuovi casi positivi al Covid registrati oggi in Abruzzo, che portano il totale dall'inizio dell'emergenza - al netto dei riallineamenti - a 461690. Il bilancio dei pazienti deceduti registra 3 nuovi casi (di età compresa tra 84 e 95 anni, 1 in provincia dell'Aquila, 1 in provincia di Teramo e 1 in provincia di Pescara) e sale a 3404. Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 407460 dimessi/guariti (+1005 rispetto a ieri).

Sardegna

Nuovo boom di contagi Covid in Sardegna, dove nelle ultime 24 ore si registrano 4.465 casi positivi (+ 3.073), di cui 4.171 diagnosticati da antigenico. Sono stati processati in totale, fra molecolari e antigenici, 14.061 tamponi per un tasso di positività del 31,7%. I pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva sono 9 (- 1), quelli in area medica 157 (-7); 37.871 sono i casi di isolamento domiciliare (+ 755). Si registrano tre vittime: un uomo di 71 anni, residente nella provincia del Sud Sardegna; un uomo di 85 anni, residente nella Città Metropolitana di Cagliari, e un residente nella provincia di Sassari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA