Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Quarta dose, ecco il piano del governo: «Centomila dosi al giorno»

Le linee di indirizzo (di Palazzo Chigi) discendenti dalla circolare del Ministero della Salute

Mercoledì 13 Luglio 2022 di Rosario Dimito
Quarta dose, ecco il piano del governo: «Centomila dosi al giorno»

Per completare il piano di richiamo raccomandato ai cittadini over 60 anni o ai fragili, tenuto conto di 12 milioni di persone, «il target nazionale di somministrazioni giornaliere dovrebbe attestarsi almeno alle 100.000 dosi/giorno, valutando poi l’evoluzione del quadro epidemiologico e le eventuali ulteriori indicazioni delle autorità sanitarie italiane ed europee».

È uno dei passaggi chiave delle linee di indirizzo (di Palazzo Chigi) discendenti dalla circolare del Ministero della Salute “estensione della platea vaccinale destinataria della seconda dose di richiamo (secondo booster) nell’ambito della campagna di vaccinazione anti SARS-CoV-2/COVID-19”. 

La campagna nazionale di richiamo si inserisce in un quadro normativo diverso da quello emergenziale e sarà incentrata sui vaccini a mRNA standard, cioè Pfizer e Moderna.

La campagna di richiamo si svilupperà secondo le seguenti modalità:


• a carico dell’UCCV (Unità per il completamento della campagna vaccinale): approvvigionamento di vaccini, di kit di somministrazione e la loro distribuzione; a carico delle Regioni/PA: somministrazione dei vaccini attraverso hub, strutture sanitarie stabili, medici di medicina generale, farmacie e altro in funzione della popolazione target da sottoporre a vaccinazione. L’UCCV provvederà ad approvvigionare i vaccini e i kit di somministrazione, a sovraintendere alla distribuzione, a monitorare i fabbisogni operando le attività di compensazione tra le varie Regioni/PA e a monitorare il raggiungimento dei target.
Inoltre, l’Unità continuerà a supportare le Regioni con le attività amministrative finalizzate a garantire la disponibilità di personale sanitario richiesto per la campagna vaccinale.

Ultimo aggiornamento: 14 Luglio, 17:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA