Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Covid in Campania: i positivi salgono al 31%, sette casi su 10 sono Omicron 4 o 5

Lunedì 27 Giugno 2022 di Ettore Mautone
Covid in Campania: i positivi salgono al 31%, sette casi su 10 sono Omicron 4 o 5

Nonostante il caldo torrido, tradizionale nemico di Sars-Cov-2, l’epidemia di Covid-19 ha assunto inaspettatamente, e in anticipo rispetto agli anni scorsi, un profilo esponenziale della sua curva di crescita. A dare spago al virus è la straordinaria contagiosità delle ultime sotto-varianti Omicron che hanno superato la linea del morbillo, finora considerato il virus più contagioso al mondo. I dati di ieri, ultimo lunedì di giugno, nonostante i pochi tamponi effettuati domenica, ci dicono che la situazione peggiora su tutti i fronti con un record in Campania, dove la percentuale di positivi al tampone ha raggiunto quota 31,7% (mai così alta dall’inizio della pandemia) contro il 24,6% di lunedì scorso. In totale si contano 4 morti, 2 più di sabato, e 393 attualmente positivi in più, 1 posto di terapia intensiva occupato in più e ben 29 ricoveri aggiunti a quelli di sabato con un indice di infettività Rt che ormai viaggia a 1,58. 

Al Cotugno, principale Covid center della Campania, a fronte dell’aumento dei ricoveri e dello scenario generale in progressivo peggioramento sono ripresi i sequenziamenti dei virus tra i ricoverati. Nell’ultima settimana il laboratorio diretto da Luigi Atripaldi ha decodificato i Coronavirus individuati sia al Cotugno sia quelli provenienti dall’ospedale San Paolo (Asl Napoli1) e Cardarelli. Sono stati individuati 11 casi di Omicron 4 (BA.4) 10 di Omicron 5 (BA.5) e altrettanti di Omicron 2 (BA.2) comprese le sottovarianti di questa. In poche parole Omicron 4 e Omicron 5 insieme si assestano al 65-70 per cento del totale. 

Dopo le dolenti note veniamo alle notizie che possono in parte rassicurarci: fatti salvi i rischi di ospedalizzazione e decesso per pazienti anziani o fragili in quanto minati da altre patologie, anche le ultime varianti di Omicron non provocano le classiche polmoniti interstiziali che hanno imperversato nelle prime ondate con il triste e noto tributo in vite umane. «Nei nostri reparti oggi - spiega Rodolfo Punzi, direttore del dipartimento di Infettivologia del Cotugno - non c’è nessuno che abbia la polmonite ma “solo” complicazioni infettive di altre patologie. Oggi a rischiare di morite con il Covid sono dunque pazienti fragili, anziani, persone con comorbilità importanti in cui il Covid non è la patologia dominante ma la classica goccia che fa traboccare il vaso di un equilibrio clinico precario». 

Qual è dunque l’identikit del paziente tipo che varca oggi la soglia di un Covid center? È un malato che arriva in un ospedale della rete regionale o in un pronto soccorso e che risulta positivo al tampone di ingresso. «Pazienti - aggiunge Punzi - che a causa del Coronavirus vedono complicarsi il loro quadro di salute. Anche senza la polmonite questi malati, per la loro fragilità, richiedono tutti un’assistenza molto intensa e spesso registriamo decessi». Può trattarsi di un neoplastico che sviluppa una sepsi, di un paziente dializzato o iperteso che sviluppa gravi complicanze cardiovascolari. Ci sono poi soggetti che hanno una misconosciuta trombofilia genetica e per questo sviluppano embolie, infarti e ictus. «In tutti questi casi - conclude Punzi - osserviamo un rapido aumento degli indici infiammatori e le complicanze hanno sempre, quale comune denominatore, l’infiammazione sistemica che in alcuni casi, sempre più rari, può dare anche un’insufficienza respiratoria». 

Video

Come mai il virus non supera più la barriere delle alte vie aeree? È la sorveglianza immunitaria indotta dai vaccini a sbarrargli il passo. L’assetto del virus è poi mutato e ciò lo spinge a preferire le alte vie aeree dove di anticorpi circolanti ce ne sono pochi. A livello degli alveoli invece, l’immunità fa il suo lavoro e le varianti non riescono a penetrare in profondità. Lo sviluppo di continue nuove forme virali e gli anticorpi poco durevoli inoltre perpetuano i contagi configurando oggi un’infezione caratterizzata da sintomi simili a quelli dell’influenza (ma comunque più temibile) se si è sani e vaccinati ma con il rischio di complicazioni talvolta fatali in anziani e fragili. Massima attenzione insomma agli anziani in famiglia, ai pazienti vulnerabili per altre patologie, ai cronici dunque. Malati a cui viene vivamente consigliato di completare il ciclo vaccinale con la quarta dose. 

Come andrà ad ottobre? Gli esperti non si sbilanciano: «Tutte le malattie a trasmissione aerea in inverno con il freddo e la vita in ambienti chiusi peggiorano. L’unica difesa per i soggetti a rischio è procedere a completare il ciclo vaccinale e avere accesso agli antivirali a domicilio». Sarà, ma la Asl Napoli 2 ha intanto bloccato tutti i contratti dei medici Usca in scadenza a fine giugno. 

Ultimo aggiornamento: 28 Giugno, 16:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA