Covid, dossier interno dell'Oms accusa la Cina: «Ha fatto poco per cercare le origini del virus nei primi otto mesi»

Martedì 23 Febbraio 2021
Covid, dossier interno dell'Oms accusa la Cina: «Ha fatto poco per cercare le origini del virus nei primi otto mesi»

I funzionari cinesi avrebbero fatto "poco" in termini di indagini epidemiologiche sulle origini della pandemia di Covid-19 a Wuhan nei primi otto mesi dopo lo scoppio. E' quanto emerge da un documento interno dell'Organizzazione Mondiale della Sanità diffuso dal Guardian. Il riepilogo del rapporto interno dell'Oms, datato 10 agosto 2020, afferma anche che il team che ha incontrato le controparti cinesi come parte di una missione per aiutare a trovare le origini del virus ha ricevuto poche  informazioni in quel momento e non ha ricevuto alcun documento  scritto.

Il rapporto della scorsa estate, scritto dunque quando i tassi di infezione globale avevano raggiunto i 20 milioni, fornisce nuove informazioni su come gli scienziati dell'Oms sarebbero stati ostacolati nei loro primi sforzi per studiare l'epidemia in Cina. La rivelazione arriva dopo che l'amministrazione Biden ha recentemente rilasciato una dichiarazione esplicita sulle forti preoccupazioni inerenti la cooperazione cinese nello studio della malattia.

Covid, nei Paesi ricchi si muore di più? Nuovi studi spiegano perché

Jake Sullivan, il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, ha anche invitato la Cina a rendere pubblici i suoi dati sin dai primi giorni dell'epidemia e a tutti i paesi, compresa la Cina, a partecipare a un processo "trasparente e robusto" per prevenire e rispondere alle emergenze sanitarie.

 

Il dossier di due pagine è un riassunto del viaggio in Cina sostenuto dal responsabile del programma e leader della missione dell'Oms Peter Ben Embarek  tra il 10 luglio e il 3 agosto 2020, che è stato presentato come una missione anticipata dell'Oms proprio per studiare il virus Covid-19 e per revisionare il lavoro svolto finora sull'origine del virus”. Nella sua sintesi, il rapporto di viaggio racconta che la missione è iniziata con una quarantena di due settimane seguita da 10 giorni di incontri faccia a faccia con i ministeri competenti, tra cui la commissione sanitaria nazionale, l'amministrazione statale per la regolamentazione del mercato, il ministero dell'agricoltura e affari rurali e altre agenzie tra cui l'Istituto di virologia di Wuhan.

Covid, scienziato tedesco: «Virus nato da errore in laboratorio a Wuhan, 600 gli indizi»

«A seguito di ampie discussioni e presentazioni da parte delle controparti cinesi, sembra che poco sia stato fatto in termini di indagini epidemiologiche intorno a Wuhan dal gennaio 2020. I dati presentati oralmente hanno fornito alcuni dettagli in più rispetto a quanto presentato alle riunioni del comitato di emergenza nel gennaio 2020. Non sono state fatte presentazioni PowerPoint e non sono stati condivisi documenti», afferma il rapporto. Un portavoce dell'Oms ha rifiutato di commentare i "documenti interni" e anche l'ambasciata cinese a Washington non ha risposto a una richiesta di commento.

Covid, Oms: «A Wuhan maxi diffusione del virus a dicembre 2019, c'erano già 13 varianti»

Covid, l'Oms: «Sull'origine del virus ogni ipotesi resta aperta, servono più dati»

Nuovo coronavirus scoperto nei pipistrelli in Asia. «Codice genetico condiviso al 91% con Sars-CoV-2»

Ultimo aggiornamento: 16:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA