Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

CORONAVIRUS

Coronavirus, Roberto Burioni: «Guariti non immuni? Sarebbe una notevole eccezione»

Domenica 26 Aprile 2020
Coronavirus, Roberto Burioni: «Guariti non immuni? Sarebbe una notevole eccezione»

Di coronavirus ci si può ammalare due volte? Risponde il il virologo Roberto Burioni: «Posto che ancora non sappiamo se ci si può reinfettare» dopo avere contratto e superato un'infezione da coronavirus, «finora tutte le infezioni virali respiratorie forniscono un certo grado di protezione. Questo virus ovviamente potrebbe essere il primo a non fornirla, ma sarebbe una notevole eccezione».

Burioni su Twitter contro Giulio Tarro: «Falso esperto»
Non è l'Arena, Giulio Tarro a Burioni: «Fai le passerelle come Miss Italia»
Burioni a Che tempo che fa: «Dopo 30 giorni gli effetti della chiusura, ora arriviamo preparati alla fase 2»
Coronavirus, il virologo Burioni a 'Che tempo che fa': «Per fase 2 servono tamponi, mascherine e app per tracciare i cellulari»
Coronavirus, Burioni smonta la lettera del cardiologo di Pavia sulle morti da Covid: «Una nuova bufala»

Così il virologo citato sul suo portale 'Medical Facts' da Guido Silvestri, scienziato italiano negli Usa dove insegna alla Emory University di Atlanta. Silvestri ha dedicato un intervento, pubblicato anche sulla sua pagina Facebook, all'analisi di quanto affermato dall'Organizzazione mondiale della sanità sul tema della patente di immunità: «Non c'è al momento evidenza che le persone che sono guarite da Covid-19 ed hanno anticorpi sono protette da una seconda infezione», ha scritto l'agenzia Onu per la salute.
 


«Sono molte - osserva Burioni - le situazioni in cui un basso livello di anticorpi è comunque sufficiente per ostacolare il virus nelle delicate fasi di 'establishment' di infezione e la pronta risposta dovuta alla comunque presente memoria immunologica risulta protettiva».

 

Ultimo aggiornamento: 27 Aprile, 09:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA