Coronavirus, virologo Crisanti: «Dimentichiamo le vacanze, lasciamo che le facciano gli straneri»

Coronavirus, virologo Crisanti: «Dimentichiamo le vacanze, lasciamo che le facciano gli straneri»
Coronavirus, virologo Crisanti: «Dimentichiamo le vacanze, lasciamo che le facciano gli straneri»
Venerdì 24 Aprile 2020, 11:31 - Ultimo agg. 18:00
1 Minuto di Lettura

«Il virus sembra sensibile alle alte temperature, l'estate può essere l'occasione per recuperare tutto ciò che abbiamo perso». Ma «dimentichiamo le vacanze, pensiamo all'Italia, a recuperare, e preoccupiamoci più che altro di ottobre e novembre: che non ricominci l'epidemia». Così Andrea Crisanti, ordinario all'università di Padova e direttore del laboratorio di Microbiologia del Policlinico, nella sua intervista al Mattino in edicola. 

A chi osserva che anche il turismo può far ripartire l'Italia, il virologo risponde: «Facciamolo fare agli stranieri, ammettendoli con i dovuti controlli e, perché no, prevedendo soggiorni per almeno 16 giorni». «Niente viaggi brevi - propone l'esperto - così li teniamo anche di più nel Paese».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA