Covid, gli scienziati Usa: «La casa è il luogo dove il virus corre più velocemente, così bisogna proteggersi»

Sabato 31 Ottobre 2020 di Michele Galvani
Covid, studio Usa: «La casa è il luogo dove il virus corre più velocemente, fondamentale la quarantena»

La diffusione del Covid-19 «tra i membri di una famiglia è comune e si verifica molto rapidamente dopo l'insorgenza della malattia»: lo sostiene un nuovo studio dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie. Dunque, attenti alle palestre, ai mezzi di trasporti, ai locali in generale certo. Ma secondo la ricerca, è la «casa il posto dove il virus corre più velocemente», quindi la persona esposta o sospettata di avere Covid-19 «dovrebbe essere isolata prima di essere sottoposta al test e prima che i risultati dei test siano pronti, in modo da proteggere gli altri in casa», si legge nello studio appena pubblicato vnel Rapporto settimanale sulla mortalità del CDC”, americano.

Covid, il virologo Silvestri: «Niente panico e niente lockdown, sta arrivando la cavalleria degli anticorpi»

Covid, un ceppo mutato in estate starebbe causando la seconda, disastrosa, ondata

«Poiché il pronto isolamento delle persone con il virus può ridurre subito la trasmissione domestica, le persone che sospettano di avere il Covid dovrebbero isolarsi, rimanere a casa e, se possibile, utilizzare una camera da letto e un bagno separati», scrive un team di ricercatori Usa. Inoltre, tutti i membri della famiglia «dovrebbero indossare sempre mascherine negli spazi comuni», spiegano ancora nello studio, che ha seguito passo passo 101 persone inizialmente infettate da Covid-19 a Nashville, Tennessee, e Marshfield, Wisconsin, tra aprile e settembre. Circa 6 mesi di test per capire come il virus si fosse diffuso.

 

I tempi

Insieme ad altre 191 persone che vivevano nelle loro famiglie, le persone infette sono state addestrate a raccogliere autonomamente i campioni - solo tamponi nasali o campioni di saliva - ogni giorno per 14 giorni. Inoltre, ogni persona ha completato un diario dei sintomi. L'infezione è stata rapida: oltre la metà delle persone (53%) che viveva con qualcuno che combatteva contro il Covid-19 «è stata infettata entro una settimana», hanno scoperto i ricercatori. Circa il 75% di queste infezioni secondarie si è verificato entro cinque giorni dai primi sintomi nel paziente iniziale. «La trasmissione sostanziale si è verificata se il paziente era un adulto o un bambino», spiega l'equipe di ricercatori. Un tasso di infezione domestica del 53%, afferma lo studio, è superiore a quanto documentato finora. Ad oggi, la ricerca correlata aveva riportato solo un tasso di infezione dal 20% al 40%.

Vaccino Covid, Abhinav (12 anni) è il volontario più piccolo al mondo a sottoporsi al test: «Così aiuto la ricerca»

«Un risultato importante di questo studio è che meno della metà dei membri della famiglia con infezioni confermate da SARS-CoV-2 hanno riportato sintomi nel momento in cui l'infezione è stata rilevata per la prima volta», c'è scritto nello studio. «Molti non hanno riportato sintomi durante i 7 giorni di follow-up, sottolineando il potenziale di trasmissione da contatti secondari asintomatici e l'importanza della quarantena»Se «hai qualcuno a casa che è più anziano o immunocompromesso, potresti isolarlo in una stanza in modo che i bambini e tutti gli altri non siano intorno a loro regolarmente», spiega la dottoressa Tanya Altmann, pediatra dell'American Academy of Pediatrics.

Covid Italia, lo studio: «Circolano cinque varianti del virus. Grande capacità di replicarsi»

Il Covid ha ucciso l'influenza. Gli esperti: «I casi nel mondo sono crollati del 98%»

«Se è un bambino di cui devi prenderti cura, potresti dover prendere la decisione di isolare un adulto con il bambino», ha aggiunto. «Quell'adulto si prenderebbe cura del bambino e l'altro adulto sarebbe responsabile del resto della famiglia».  E, naturalmente, tutto questo sarà estremamente difficile per un genitore single «che potrebbe essere l'unico», ha detto in una precedente intervista la dottoressa Jenny Radesky, portavoce dell'American Academy of Pediatrics. «Qualche vicino di casa potrebbe essere disposto a fare una consegna di un negozio di alimentari o prendere farmaci perché siamo tutti dentro questa pandemia». Anche il resto della famiglia dovrebbe praticare l'isolamento, ha aggiunto Radesky. «I modelli di diffusione del Covid-19 suggeriscono che gruppi di persone che vivono vicini sono a più alto rischio di contrarlo l'uno dall'altro. Se i bambini fanno parte di quella famiglia, possono mostrare sintomi minimi ma essere comunque contagiosi».

Covid, la virologa cinese disse: virus creato in laboratorio. Gli scienziati: «Ha fatto copia e incolla da un blog»

«Un numero limitato di persone con una malattia grave può produrre un virus che si replica oltre i 10 giorni, che può giustificare l'estensione della durata dell'isolamento e delle precauzioni fino a 20 giorni dopo l'insorgenza dei sintomi», sottolinea anche il CDC. Una perdita di gusto e odore può persistere per settimane o «addirittura mesi». Tuttavia, se hai un sistema immunitario gravemente indebolito o sei stato più gravemente malato di Covid-19, come essere ricoverato in ospedale e aver bisogno di ossigeno, le regole cambiano, secondo il CDC: «Le persone gravemente immunocompromesse potrebbero richiedere dei test per determinare quando possono stare con gli altri. Parla con il tuo medico». E il gruppo di ricercatori conclude: «Questi sono tempi spaventosi, ma si spera che questi suggerimenti aiuteranno ad alleviare la tua ansia e preparare te e la tua famiglia al peggio, sperando e lottando per il meglio». Ossia, la guarigione.

 

 

Ultimo aggiornamento: 16:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA