Covid, il primario di Verona: «Chiamata alle armi per medici e infermieri, qui è peggio che a marzo»

Domenica 18 Ottobre 2020
Covid, il primario di Verona: «Chiamata alle armi per medici e infermieri, qui è peggio che a marzo»

Gli ospedali sono di nuovo allo stremo. «Stiamo facendo una chiamata alle armi, dobbiamo richiamare medici e infermieri. Qui è peggio che a marzo». Parla Claudio Micheletto, direttore dell'unità di penumologia dell'Azienda ospedaliera di Verona, dove da ieri è stato riaperto il reparto riservato ai pazienti Covid.

Covid, esami e visite in bilico: tornano i malati di serie B

Regno Unito, «C'è il Covid, niente chemio per 3 mesi»: così hanno condannato a morte Kelly

Covid Roma, morto un medico al San Camillo. L'Asl 5: «Bloccati i ricoveri»

Covid, Arcuri: «Le Regioni non hanno attivato 1.600 posti di intensiva»

«Sto entrando adesso - spiega - dobbiamo allargare la disponibilità di posti. Quando parlo di marzo, non dico certo nei numeri, allora avevamo 180 pazienti e 60 terapie intensive in totale in azienda. Però il flusso è continuo: adesso a Borgo Trento abbiamo 22 ricoverati in malattie infettive, pieno, e 6 in rianimazione, pieno. Da noi in pneumologia a Borgo Trento, ci sono 20 letti occupati, e dobbiamo allargare. Ne aggiungiamo altri 6, ma il problema non sono i posti, serve il personale».

 

 

Ultimo aggiornamento: 15:57 © RIPRODUZIONE RISERVATA