CORONAVIRUS

Covid, «pressione alta su ospedali e tanti morti». Gimbe: calo contagi lento effetto misure inferiori a lockdown

Giovedì 26 Novembre 2020
Covid, «pressione alta su ospedali e tanti morti». Gimbe: calo contagi lento effetto misure inferiori a lockdown

Covid, «la pressione resta alta sugli ospedali e ancora tanti morti»: la Fondazione Gimbe segnala che il calo dei contagi dovuti all'epidemia di Covid-19 rallenta, ma in modo lento perché effetto delle misure in atto inferiori al lockdown. Il bollettino settimanale della Fondazione Gimbe conferma nella settimana 18-24 novembre, rispetto alla precedente, una riduzione dei nuovi casi (216.950 contro 242.609), a fronte di una riduzione dei casi testati (778.765 contro 854.626) e di una lievissima diminuzione del rapporto positivi/casi testati (27,9% contro 28,4%). Crescono dell'8,8% i casi attualmente positivi e, sul fronte degli ospedali, rallenta l'incremento dei ricoveri con sintomi (34.577 contro 33.074) e in terapia intensiva (3.816 contro 3.612), mentre sono ancora in aumento i decessi (4.842 contro 4.134).

 

Covid, ecco i sintomi: la febbre arriva prima della tosse. Cosa non bisogna fare

Vaccino Covid, dalle date agli anziani ecco cosa sappiamo oggi. Faremo anche il richiamo?

 

 

Misure di contenimento

 

«Gli effetti delle misure di contenimento - spiega Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione - iniziano a manifestarsi anche sulle curve di ricoveri e terapie intensive, che tendono ad assumere più l'aspetto di un plateau che di un picco simile a quello registrato nella prima ondata. Per allentare la pressione negli ospedali ci vorrà quindi molto più tempo rispetto alla scorsa primavera, perché l'entità delle attuali misure di contenimento è nettamente inferiore al lockdown totale». Peraltro, segnala sempre Cartabellotta, se la soglia di occupazione per pazienti Covid del 40% definita dal Ministero della Salute nei reparti di area medica è stata superata in 15 Regioni e quella del 30% nelle terapie intensive in 16 nelle Regioni con tassi di occupazione molto più elevati, «i pazienti Covid stanno »cannibalizzando« progressivamente i posti letto di altri reparti, limitando la possibilità di curare pazienti con altre patologie e determinando il rinvio di prestazioni non urgenti, interventi chirurgici inclusi».

 

Natale, nuovo dpcm: spostamenti tra regioni vietati. Coprifuoco alle 21 dal 23 dicembre al 10/1

Nulla è ancora deciso, nero su bianco. Tanto più che il vertice tra Giuseppe Conte e i capidelegazione della maggioranza previsto per ieri sera è slittato a oggi. Ma il tempo stringe: va scritto il nuovo Dpcm del 4 dicembre e fino ad allora sarà un rosario di riunioni.


 

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 13:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA