CORONAVIRUS

«Il Covid può sopravvivere sugli alimenti congelati»: l'ultimo studio degli scienziati cinesi

Mercoledì 21 Ottobre 2020 di Michele Galvani
«Il Covid può sopravvivere sugli alimenti congelati»: lo studio degli scienziati asiatici

La Cina ha contagi zero. Vero miracolo. Ma il Paese continua comunque a studiare e capire cause ed effetti della pandemia. Infatti, il Covid può sopravvivere sulle confezioni di alimenti congelati: lo hanno scoperto alcuni medici e funzionari cinesi dopo un'epidemia legata al pesce congelato. Il Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) ha rilevato e isolato un campione vivente del coronavirus sull'imballaggio esterno del merluzzo congelato. Prima d'ora c'erano solo tracce dell'agente patogeno, trovate sugli imballaggi congelati. Il caso è legato alla città orientale di Qingdao, colpita da un nuovo gruppo di positivi, legati a due lavoratori portuali. Gli uomini, diagnosticati a settembre, erano responsabili dello scarico dei frutti di mare congelati al porto.

La scoperta del CDC suggerisce che è possibile che il SARS-CoV-2 venga trasportato su lunghe distanze tramite merci congelate. «Non si può escludere che i pazienti abbiano contaminato i prodotti ittici congelati con il coronavirus stesso, piuttosto che il prodotto come fonte di infezione», hanno però spiegato, mettendo le mani avanti. Ma altri studi confermano questa nuove ipotesi.

 

Le fabbriche di alimenti freddi sono state al centro di diversi focolai del virus nel Regno Unito, ad esempio. Eppure la Food Standard Agency nel Regno Unito e l'Organizzazione mondiale della sanità garantiscono che il rischio di contrarre il virus dagli alimenti congelati è «basso».

L'agenzia cinese ha confermato il rilevamento del Covid sulle confezioni del merluzzo congelato importato il 17 ottobre, durante un'indagine sull'epidemia di Qingdao. Secondo il CDC «è stato dimostrato che il contatto con imballaggi contaminati dal nuovo coronavirus vivente potrebbe portare a infezioni», ha riferito l'agenzia di stampa statale cinese Xinhua. 

Covid, il Regno Unito infetterà ufficialmente volontari sani con un vaccino sperimentale: «Ma lo faremo in sicurezza»

«È la prima volta al mondo che tracce "vive" del virus sono state trovate sugli imballaggi per alimenti freddi», si legge nella relazione dell'agenzia cinese. «Se il virus è vivo, significa che ha la capacità di infettare le persone». Il CDC ha anche affermato che il Covid «può diffondersi oltre i confini tramite cibo importato». L'epidemia a Qingdao risale a due lavoratori portuali che «sono stati inizialmente diagnosticati come pazienti asintomatici a settembre, durante un test di routine del personale dell'azienda», ha detto in una nota la Commissione sanitaria municipale di Qingdao. I dipendenti infetti, il signor Dong, 40 anni, e il signor Chen, 50 anni, «sono risultati entrambi negativi l'8 settembre durante uno screening di routine. Entrambi hanno lavorato la sera del 19 settembre, scaricando prodotti ittici importati al porto».

Covid, il virus resiste sulla pelle fino a nove ore: cinque volte di più rispetto all'influenza

L'epidemia di Qingdao ha spinto le autorità a lanciare un ambizioso screening di massa il 12 ottobre dopo una serie di due mesi senza nuovi casi in Cina. Circa 11 milioni di residenti sono stati testati in quattro giorni per frenare la diffusione del virus. Le autorità cinesi non hanno specificato in che modo i lavoratori hanno contratto il virus, ma hanno affermato di aver «condiviso l'esposizione comune», riferendosi ai prodotti ittici importati.

Il dottor Michael Head, ricercatore senior in salute globale presso l'Università di Southampton, ha dichiarato a MailOnline: «Penso che ci sia sempre stato un rischio teorico di trasmissione tramite imballaggi sugli alimenti, simile agli esempi di persone che toccano maniglie o pulsanti delle porte negli ascensori». 

Covid, doppia ricerca: «Chi ha il gruppo sanguigno “0” ha una ridotta probabilità di contrarre il virus»

Gli scienziati dell'Indian Institute of Technology di Bombay hanno scoperto che temperature più elevate e umidità più bassa seccano le goccioline più velocemente e, quando le goccioline evaporano, il virus lasciato muore. Ma la ricerca ha confrontato solo il tempo di asciugatura a due diverse temperature: 25 gradi Celsius (77 gradi Fahrenheit) e 40 gradi Celsius (104 gradi Fahrenheit), entrambe con il 50% di umidità. Le prove sulla capacità dei coronavirus di sopravvivere a temperature congelate e sugli imballaggi alimentari sono oscure.

Uno studio condotto dalla National University of Singapore ha valutato la sopravvivenza del SARS-CoV-2 su campioni di carne e salmone a temperature refrigerate e congelate per tre settimane. Ha scoperto che il livello di virus sui campioni di cibo è rimasto costante durante l'intero esperimento. Gli autori hanno scritto nel loro documento: «Il nostro lavoro di laboratorio ha dimostrato che SARS-CoV-2 può sopravvivere al tempo e alle temperature associati alle condizioni di trasporto e conservazione associate al commercio alimentare internazionale. Aggiungendo SARS-CoV-2 a pezzi di pollo, salmone e maiale non si è verificata una diminuzione del virus infettivo dopo 21 giorni a 4 ° C (refrigerazione standard) e –20 ° C (congelamento standard)».

 

 

Ultimo aggiornamento: 13:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA