Diabete, l'Ema approva la prima insulina settimanale al mondo. I medici: «Una rivoluzione»

Sarà così possibile ridurre il numero di somministrazioni di insulina ad una sola volta a settimana rispetto alla somministrazione giornaliera oggi prevista. «In un anno da un minimo di 365 iniezioni si passa a 52»

Diabete, l'Ema approva la prima insulina settimanale al mondo. I medici: «Una rivoluzione»
Diabete, l'Ema approva la prima insulina settimanale al mondo. I medici: «Una rivoluzione»
Martedì 28 Maggio 2024, 16:30 - Ultimo agg. 29 Maggio, 06:59
3 Minuti di Lettura

Cinquantadue iniezioni in un anno, ovvero una a settimana, invece di 365 che vuol dire una puntura al giorno. Due numeri che possono fare una grandissima differenza nell'esistenza quotidiana delle persone con diabete, che da oggi potranno avere un netto miglioramento della qualità di vita grazie all'approvazione da parte dell'Agenzia europea dei medicinali della prima insulina settimanale al mondo per il trattamento dei pazienti adulti con diabete di tipo 1 e 2.

La terapia

Si tratta di una grande novità, a distanza di centouno anni dalla scoperta dell'insulina, che potrà impattare positivamente sulla gestione del diabete. Oggi la terapia insulinica prevede che il paziente si somministri l'insulina almeno una volta al giorno con un impatto che va dalla gestione della terapia stessa alla sfera sociale, lavorativa e psicologica della persona e delle famiglie. Il numero di iniezioni può rappresentare un ostacolo importante in termini di qualità di vita e di aderenza alla terapia.

I dati

I dati mostrano che il 50% delle persone con diabete, che necessitano di terapia insulinica, ritardano di oltre due anni l'inizio del trattamento, con ripercussioni sulla gestione della malattia e delle sue complicanze. Negli studi clinici di fase 3, l'insulina settimanale ha permesso una riduzione della glicemia rispetto all'insulina basale giornaliera favorendo il controllo glicemico nelle persone con diabete di tipo 2. Gli italiani affetti da diabete sono circa il 6% della popolazione, cioè quasi 4 milioni di persone, un dato sottostimato se si pensa che le mancate diagnosi sono circa 1,5 milioni.

Diabete, paziente guarito in Cina grazie a trapianto cellule di staminali: è il primo al mondo, non assume più farmaci da due anni

I diabetologi: «Una rivoluzione»

«L'approvazione da parte dell'Ema della nuova insulina a somministrazione settimanale prefigura una rivoluzione per le persone con diabete di tipo 2 in terapia insulinica. La riduzione della frequenza delle iniezioni, semplificando il trattamento, promette di migliorare l'aderenza terapeutica, consentendo in definitiva un migliore controllo glicemico». A dirlo è Riccardo Candido, presidente dell'Associazione Medici Diabetologi (AMD) che commenta il via libera da parte dell'agenzia europea.

«Inoltre, la frequenza delle iniezioni di insulina è sempre stata una delle cause dell'annoso problema dell'inerzia terapeutica in diabetologia, spesso dovuta proprio a professionisti e pazienti che ritardavano l'avvio della terapia insulinica, preoccupati della complessità del percorso di cura. Bisogna infine considerare che l'insulina a somministrazione settimanale rappresenta, per le persone con diabete, la prima grande innovazione farmacologica dopo più di un secolo, cioè dalla scoperta dell'insulina stessa. Pertanto - conclude - l'auspicio è che adesso gli enti regolatori nazionali, a partire dall'AIFA, si adoperino per garantire in tempi rapidi la disponibilità di questo nuovo farmaco, che può consentire un percorso di cura con insulina più semplice e più efficace, e quindi, in definitiva, più salute e miglior qualità di vita per le persone con diabete».