L'Istituto Pascale di Napoli è tra i 50 migliori ospedali del mondo

Giovedì 5 Agosto 2021
L'Istituto Pascale di Napoli è tra i 50 migliori ospedali del mondo

Per il secondo anno consecutivo l’Istituto dei tumori partenopeo entra nella classifica dei World's Best Hospitals stilata ogni anno da Newsweek affermandosi al quarantesimo posto e scalando di un gradino a livello nazionale, passando al quarto posto, rispetto al quinto dell’anno scorso.  Al quarantesimo posto nel mondo e al quarto in Italia, primo in assoluto, e con grande distacco dalle altre strutture, nel centro e sud Italia. Sotto, ma di pochissimo solo a Milano e a Padova, confermandosi al quarantesimo posto in una classifica in cui la fanno da padrone gli Stati Uniti

Un riconoscimento ancora più prestigioso in quanto arriva nell'anno della pandemia globale da Covid 19. Secondo i ricercatori e gli esperti di Newsweek, che dal 1933 riferisce sui progressi della medicina, della scienza e della ricerca mondiale, il Pascale entra nella rosa dei migliori ospedali, un primato che in Italia condivide soltanto con altre cinque strutture nei primi cinquanta posti e dieci in totale su una lista di duecento strutture.

«Per i suoi standard di assistenza eccellente» questo il riconoscimento maggiore. Il prestigioso riconoscimento arriva al Pascale a distanza di pochi giorni dalla decisione dell’Oeci, l’Organisation of European Cancer Institutes, la rete che raggruppa i più importanti centri di ricerca e cura dei tumori europei, di accreditare il Pascale come , il massimo titolo che l’Oeci possa attribuire a un polo oncologico e che si ottiene solo se si ottempera a 63 diversi standard, suddivisi in 272 requisiti. Il tutto elaborato a livello europeo negli ambiti della cura e assistenza, della ricerca scientifica e dell’innovazione, della prevenzione e della formazione.

Video

Secondo l’Oeci e ora anche di Newsweek, dunque, il Pascale sa prendersi carico del paziente non solo per la cura della sua malattia, ma anche per la gestione di tutti quegli aspetti che possono influenzare il suo percorso terapeutico secondo un approccio multidisciplinare che mette al centro le esigenze del paziente e dei suoi familiari, elaborando un piano terapeutico su misura, a partire dagli ultimi sviluppi della ricerca oncologica svolta al proprio interno e in collaborazione con università e altri partner scientifici. 

«Un traguardo raggiunto grazie al coinvolgimento di diverse figure, come l’oncologo medico, il chirurgo oncologo, il patologo dedicato, il radioterapista, un componente dell’area scientifica o di ricerca, lo psicologo, il logoterapista. Prova che dove, e quando, c’è sinergia, il risultato finale è sempre maggiore della somma dei singoli componenti. E grazie soprattutto a questa sinergia siamo riusciti ad ottenere questi prestigiosi traguardi che ci impongono di continuare con sempre maggiore impegno» spiega il direttore generale del polo oncologico, che da un anno raggruppa tre strutture, il presidio collinare, l’Ascalesi e il Crom di Mercogliano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA