Da Roma e Firenze, cinque primari scelgono Napoli

di Ettore Mautone

2
  • 2064
Cinque primari lasciano il loro posto a Roma e Firenze e vengono a lavorare al Cardarelli. Altri rientrano al Santobono. Alcuni da altre province approdano all'ospedale del mare. Non solo cervelli che restano, come Paolo Ascierto - che ha deciso di rinunciare al concorso vinto per il posto da primario all'Istituto tumori San Gallicano di Roma e di declinare altre allettanti offerte pervenute dall'Ieo di Milano - per continuare a fare grande la cura e la ricerca sul cancro in Campania. Ma anche cervelli che tornano, come Alessandra Picardi, ematologa, laureatasi a Napoli nel 1991, specializzata a Roma, esperta di trapianti di cellule staminali per la cura delle neoplasie del sangue. Vincitrice di concorso è dal giugno scorso a capo dell'unità operativa complessa di Ematologia con trapianto di Midollo osseo al Cardarelli. Napoletano è anche Matteo Della Monica che nel lontano 1982 frequentava come studente volontario il corso degli studi universitari del Servizio di Genetica medica del Cardarelli, allievo del professor Valerio Ventruto, diventato poi direttore di unità complessa del Meyer di Firenze e che ora torna a capo di quel servizio che ha frequentato nell'ospedale napoletano. Infine cervelli che arrivano, ma da altre regioni e città. Professionisti del Sud ma al lavoro da anni in altre realtà nazionali con incarichi di prestigio ma che ora scelgono di scommettere sulla sanità campana per approdare a Napoli a capo di servizi che li vedevano già affermati professionisti ma con l'entusiasmo dei neofiti.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 20 Dicembre 2018, 07:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-12-20 13:58:00
concordo con Darmen, ma quale è la notizia. Napoletani che dopo tanti anni vogliono tornare nella città natale. tt è buono per scrivere qsa.
2018-12-20 12:47:27
niente di sensazionale, sono napoletani che ritornano a Napoli, non credo proprio che un milanese verace possa lasciare l'ottima sanità lombarda, lo sanno bene i campani che si curano nel nord. Darmen

QUICKMAP