Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Mascherine, quando sono obbligatorie o solo consigliate? Lavoro, negozi, bar e trasporti: le Faq

Mercoledì 4 Maggio 2022 di Gianluca De Rossi
Mascherine al lavoro, quando sono obbligatorie o solo consigliate: le Faq

Mascherine obbligatorie al lavoro, sì o no? Fino al 15 giugno è previsto l’obbligo di indossare le mascherine Ffp2 per chi lavora nel settore dei trasporti, tram, autobus e metropolitane, e l'obbligo vale anche per i passeggeri sia sui mezzi del trasporto pubblico locale sia sui treni a lunga percorrenza.

Mascherine obbligatorie al lavoro anche per gli addetti di cinema, teatri, dei locali di intrattenimento e musica dal vivo e per tutti gli eventi e competizioni sportive al chiuso, nei palazzetti dello sport. E l'obbligo vale anche per gli utenti che usufruicono di tali servizi.

Mascherine obbligatorie al lavoro anche per i lavoratori, per gli utenti e per i visitatori negli ospedali e nelle strutture sanitarie, incluse le Rsa. Tutto questo è quanto prevedono le norme in vigore, ma sono sempre di più le aziende che chiedono ai loro lavoratori di utilizzare le mascherine sul posto di lavoro e oggi è in programma un incontro tra governo e parti sociali per l'aggiornamento delle regole anti-Covid nei luoghi di lavoro. «Chiederemo l'uso delle mascherine almeno fino al 15 giugno, in particolare per tutti i lavoratori a contatto con il pubblico», ha anticipato ieri Confcommercio.

 

Mascherina a scuola, obbligatoria quella chirurgica: ma con quattro positivi va indossata la Ffp2

Tampone fai da te negativo, si può uscire dall'isolamento? Tutto quello che c'è da sapere

 

Mascherine, dove sono obbligatorie e dove solo consigliate: le Faq

Dall’1 maggio al 15 giugno l’utilizzo dei dispositivi di protezione è limitato ad alcune circostanze: in alcuni casi è obbligatorio indossare le mascherine Ffp2, in altri bastano le mascherine chirurgich. In generale, se ne raccomanda l’uso in tutti i luoghi al chiuso e nelle situazioni che possono essere più rischiose

 

Negozi, bar, ristoranti e centri commerciali

In generale, il Ministero raccomanda l’uso delle mascherine in tutti i luoghi al chiuso - pubblici o aperti al pubblico - fra cui ad esempio negozi, bar, ristoranti e centri commerciali, dove quindi non vige più l’obbligo di usarla.

 

Aerei, navi, traghetti, pullman, autobus, Ncc

Dall’1 maggio è invece obbligatorio indossare la mascherina Ffp2 su aerei, navi, traghetti, pullman, autobus Ncc, mezzi di trasporto pubblico locale o regionale e mezzi di trasporto scolastico dedicato agli studenti di scuola primaria, secondaria di primo grado e di secondo grado

 

Spettacoli al chiuso: cinema e teatri

Bisogna indossare le mascherine Ffp2 anche per assistere a spettacoli al chiuso in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, locali di intrattenimento e musica dal vivo e in altri locali assimilati in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, locali di intrattenimento e musica dal vivo e in altri locali assimilati

 

Palazzetti dello sport

Serve la Ffp2 anche per assistere a eventi e competizioni sportive che si svolgono al chiuso

 

Scuola

A scuola è obbligatoria la mascherina, ma basta quella chirurgica. Diventa obbligatoria la Ffp2 nel caso si rilevino più di 4 casi Covid in una stessa classe

 

Ospedali e Rsa

È obbligatorio indossare la mascherina chirurgica anche per i lavoratori, gli utenti e i visitatori delle strutture sanitarie, socio-sanitarie e socio-assistenziali, incluse le strutture di ospitalità e lungodegenza, le residenze sanitarie assistite (Rsa), gli hospice, le strutture riabilitative, le strutture residenziali per anziani, anche non autosufficienti

 

Uffici pubblici, banca e Poste

Negli uffici pubblici, come in banca e alle Poste, non è più obbligatoria la mascherina, ma è consigliabile averla con sé e indossarla in situazioni più rischiose, ad esempio quando si usa l'ascensore o quando si fa la fila in mensa.

 

Aziende private

Per quanto riguarda il settore privato, spetta alle singole aziende rinnovare o ridefinire protocolli e accordi sull’uso delle mascherine.

 

Messe, funerali e cerimonie religiose

Per quanto riguarda le cerimonie religiose, la Cei ha fatto sapere che «l'uso delle mascherine resta, a rigore, raccomandato in tutte le attività che prevedono la partecipazione di persone in spazi al chiuso come le celebrazioni e le catechesi, mentre resta obbligatorio l'uso dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo Ffp2 per gli eventi aperti al pubblico che si svolgono al chiuso in locali assimilabili a sale cinematografiche, sale da concerto e sale teatrali».

 

Non è obbligatorio indossare le mascherine per:

- bambini sotto i 6 anni di età;
- persone che, per la loro invalidità o patologia, non possono indossare la mascherina;
- operatori o persone che, per assistere una persona con disabilità, non possono a loro volta indossare la mascherina (per esempio: chi debba interloquire nella L.I.S. con persona non udente).

Inoltre, non è obbligatorio indossare la mascherine:

- mentre si effettua l’attività sportiva;
- mentre si mangia o si beve, nei luoghi e negli orari in cui è consentito;
- mentre si balla nelle discoteche, nelle sale da ballo e nei locali assimilati;
- quando, per le caratteristiche dei luoghi o per le circostanze di fatto, sia garantito in modo continuativo l'isolamento da persone non conviventi.

 

 

 

 

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 13:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA