Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

CORONAVIRUS

Miocardite, i rischi dopo il contagio da Covid (e le differenze rispetto alle altre infezioni)

Lunedì 31 Gennaio 2022
Problemi al cuore post Covid: il rischio miocardite (e le differenze rispetto alle altre infezioni)

Il cuore ha svolto un ruolo centrale nel Covid-19 sin dall'inizio. Le condizioni cardiovascolari sono tra i più alti fattori di rischio per il ricovero. Un numero significativo di pazienti ricoverati in ospedale con infezioni da SARS-CoV-2 presenta segni di danno cardiaco e molti si riprendono dall'infezione con danno cardiovascolare duraturo. Ma cosa dicono i numeri sulla miocardite, sul Covid e sul vaccino? C'è una correlazione? La miocardite è un'infiammazione del muscolo cardiaco più comunemente causata da un virus come l'influenza, la coxsackie, l'epatite o l'herpes. Altre cause includono batteri, funghi, tossine, chemioterapia e condizioni autoimmuni.

Miocardite da vaccino, ecco perché per i ragazzi è un rischio raro e quasi mai grave

Alcuni virus infettano il muscolo cardiaco e causano lesioni dirette al cuore, mentre altri causano danni al cuore indirettamente attraverso il sistema immunitario. L'attivazione del sistema immunitario in risposta a un'infezione innesca il rilascio di sostanze chimiche nel corpo chiamate citochine, che aiutano a eliminare le infezioni. In alcuni casi, i livelli di citochine salgono a livelli insolitamente alti per produrre una "tempesta di citochine" che provoca danni al muscolo cardiaco.

La miocardite nei numeri

Prima del Covid-19 l'incidenza della miocardite era compresa tra uno e 10 casi ogni 100.000 persone all'anno, con tassi più alti nei maschi tra i 18 ei 30 anni. Secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, il rischio di miocardite dopo l'infezione da Covid-19 è molto più alto, con 146 casi ogni 100.000. Il rischio è maggiore per i maschi, gli anziani (di età superiore ai 50 anni) e i bambini di età inferiore ai 16 anni. Il calciatore Alphonso Davies, 21 anni, è stato costretto a fermarsi per un'infiammazione cardiaca dopo aver contratto il Covid.

 

La miocardite successiva alla vaccinazione contro il Covid-19 è rara e il rischio è molto inferiore ai rischi di danno cardiaco legati al Covid stesso. Sulla base di uno studio condotto in Israele, il rischio di miocardite post-vaccino è di 2,13 casi ogni 100.000 vaccinati, che rientra nell'intervallo normalmente osservato nella popolazione generale. Questo studio è coerente con altri negli Stati Uniti e in Israele che collocano l'incidenza complessiva di miocardite post-vaccino tra 0,3 e cinque casi ogni 100.000 persone. La maggior parte degli studi mostra un chiaro beneficio della vaccinazione rispetto alla miocardite. 

Quanto è grave?

Gli adulti che sviluppano la miocardite da Covid-19 hanno esiti peggiori rispetto ai casi di non miocardite da Covid, compreso un rischio più elevato di morte. Nei casi di miocardite post vaccinazione contro il Covid-19, la stragrande maggioranza dei casi è lieve e si risolve rapidamente. Negli adulti, il 95% dei casi è stato ritenuto lieve. Allo stesso modo, nei bambini, il 98,6% è lieve e non è stata segnalata alcuna necessità di supporto cardiaco meccanico.

Ultimo aggiornamento: 1 Febbraio, 11:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA