Policlinico Federico II, esperti nazionali e internazionali per il corso di chirurgia robotica della parete addominale

Policlinico Federico II, esperti nazionali e internazionali per il corso di chirurgia robotica della parete addominale
Venerdì 30 Settembre 2022, 18:45
2 Minuti di Lettura

I maggiori esperti di chirurgia robotica a livello nazionale e internazionale si ritroveranno a Napoli in occasione del corso nazionale della Società Italiana di Chirurgia Endoscopica e Nuove tecnologie (Sice), presieduta dal professore Mario Guerrieri. Si svolgerà, infatti, nel capoluogo campano il corso nazionale sulla Chirurgia robotica della parete addominale dal titolo «Spotlight on robotic hernia surgery».

L’appuntamento è per lunedì 3 ottobre presso l’aula multimediale dell'edificio 6 dell'Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II, diretta dal dottore Giuseppe Longo, riconosciuta tra le eccellenze della chirurgia robotica nazionale. Coordinatori del congresso sono il professore Giovanni Domenico De Palma, direttore del Dipartimento di patologie medico chirurgiche dell’apparato digerente e direttore della Scuola di specializzazione in Chirurgia generale dell’Ateneo federiciano, e il professore Marco Milone. La scelta di effettuare il corso nazionale presso l'Azienda federiciana evidenzia inoltre come la Scuola di Medicina e Chirurgia dell’Ateneo, diretta dalla professoressa Maria Triassi, sia riconosciuta a livello nazionale come centro di riferimento dell’attività scientifica e clinica della chirurgia italiana.

Video

In occasione del corso, docenti e medici provenienti da tutto il territorio nazionale avranno la possibilità di aggiornarsi con diverse relazioni sullo stato dell’arte di tecniche chirurgiche sempre più diffuse nelle sale operatorie di tutto il mondo. Non solo teoria, ma anche pratica. Saranno infatti eseguiti interventi chirurgici in diretta dalle sale operatorie del Centro di Chirurgia Robotica, diretto dal professore Vincenzo Mirone, grazie al sostegno dell’equipe anestesiologica del professore Giuseppe Servillo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA