No vax e No green pass, stazioni blindate: le proteste sono un flop. Torino, attivista aggredisce un agente

Mercoledì 1 Settembre 2021
No vax e No green pass, proteste flop. Torino, attivista aggredisce un agente

Biglietto in una mano, Green pass in un'altra. Non ci sono stati particolari disagi per chi ha viaggiato su treni e aerei in Italia al debutto dell'obbligo del certificato vaccinale sulle tratte a lunga percorrenza. E non ne hanno creati nemmeno le annunciate proteste No pass e No vax, che in molti casi hanno radunato una manciata di persone davanti alle stazioni. Niente blocco dei treni, praticamente un flop a leggere molti commenti su 'Basta dittatura!', una delle chat Telegram dove nei giorni scorsi c'è stata la chiamata alla mobilitazione e su cui in queste settimane sono rimbalzati nomi e numeri di telefono di molti, virologi, medici e giornalisti, presi di mira in un climax che ha portato a molestie telefoniche e anche a un paio di aggressioni.

Attivista aggredisce agente a Torino

La tensione resta alta: la Polizia postale indaga per istigazione a delinquere con l'aggravante dell'utilizzo di mezzi informatici con finalità terroristiche, la Federazione italiana delle aziende sanitarie e ospedaliere denuncia «l'intollerabile violenza nei confronti di medici, infermieri e operatori sociosanitari impegnati nella campagna vaccinale», e il tema delle intimidazioni alla stampa è finito al centro di un tavolo presieduto dal ministro dell'Interno Luciana Lamorgese. Il capo del Viminale ha sottolineato l'importanza di «individuare specifiche misure finalizzate a rafforzare la tutela dagli attacchi mossi sulla rete non solo nei confronti dei giornalisti ma di tutte le categorie più esposte a episodi di odio in questa delicata fase storica caratterizzata dalla pandemia».

Si è preso qualche insulto anche chi ha documentato le manifestazioni davanti alle stazioni, temute ma in molti casi quasi deserte. «Ci sono più poliziotti e giornalisti che altro...», il tenore dei commenti delusi di chi ha partecipato agli appuntamenti, da Trento a Bergamo, da Rimini a Bari, davanti a scali blindati dalle forze dell'ordine. Qualche decina erano i no vax, o meglio no pass, alla stazione Garibaldi di Milano, dove gli agenti hanno impedito l'ingresso a chi non aveva il certificato vaccinale e hanno identificato diversi contestatori. Un attivista è stato fermato davanti a Porta Nuova, a Torino, dopo essersi rifiutato di mostrare i documenti ai poliziotti e averli colpiti scalciando. Allo scalo romano di Tiburtina, fra la trentina di manifestanti anche una decina di Forza Nuova, con lo striscione 'Italiani contro il Green pass', mentre a Napoli la manifestazione si è sostanzialmente limitata al presidio di due militanti del Movimento idea sociale con la bandiera tricolore.

Pochi i manifestanti anche a Firenze, dove però era affollato il gazebo della Croce Rossa per il test antigenico rapido, altra via per ottenere il Green pass. Dall'aeroporto di Fiumicino alla Stazione centrale di Milano passando per quella di Bologna, si sono viste file fluide e controlli scrupolosi, con passeggeri ben disposti o quanto meno rassegnati a viaggiare con il certificato verde, vaccinati o almeno con un tampone negativo. Non lo aveva un quarantenne pakistano a bordo del Frecciabianca Milano-Roma, che è stato fatto scendere a Pavia dalla Polfer, avvisata dalla capotreno. In altre situazioni simili, chi era senza pass è stato fatto spostare nella passerella fra due carrozze, in attesa della prima fermata utile per lasciare il treno, raccontano vari passeggeri osservando che sarebbe più opportuno effettuare i controlli ai tornelli di ingresso prima dei binari, come del resto per ora sta succedendo soprattutto nelle grandi stazioni. Anche perché, nel frattempo, sui treni ad Alta velocità è venuto meno il limite del 50% alla vendita dei posti. Il tema controlli e green pass è caldo anche sul fronte scuola. Si sono già dotate dei tablet per i controlli le superiori, le prime ad aprire per gli esami di recupero. In Trentino, invece, stanno per essere avviate le procedure di sospensione per altri 560 operatori sanitari che non si sono vaccinati contro il Covid.

 

Video

 

 


 

Speranza sotto scorta: ha ricevuto minacce dai No vax e No Green pass

 

 

 

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 2 Settembre, 01:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA