Omicron, Pfizer: «Pillola antivirale Paxlovid mantiene efficacia contro variante». I primi dati degli studi

Martedì 18 Gennaio 2022
Omicron, Pfizer: «Pillola antivirale Paxlovid mantiene efficacia contro variante». I primi dati degli studi

Variante Omicron. Primi dati sulla pillola antivirale di Pfizer. Secondo quanto comunicato dall'azienda oggi «i risultati di numerosi studi dimostrano che l'efficacia in vitro di nirmatrelvir», il principale inibitore della proteasi del farmaco anti-Covid Paxlovid, «viene mantenuta contro Omicron».

 

Omicron, cosa fare in caso di febbre? Da quando preoccuparsi e quale farmaco è consigliato

 

Pfizer: «Pillola antivirale Paxlovid mantiene efficacia contro Omicron»

Nel loro insieme, questi studi in vitro suggeriscono che l'antivirale orale «ha il potenziale di mantenere concentrazioni plasmatiche molte volte superiori alla quantità necessaria per impedire la replicazione di Omicron nelle cellule».

 

 

 

 

 

 

La nota dell'azienda

«Abbiamo progettato specificamente Paxlovid per mantenere la sua attività attraverso i coronavirus, così come le attuali varianti di preoccupazione con mutazioni prevalentemente proteiche spike. A seguito dei risultati clinici, che mostrano che ha ridotto il rischio di ospedalizzazione o morte di quasi il 90% rispetto al placebo per i pazienti ad alto rischio se trattati entro cinque giorni dall'esordio dei sintomi, siamo incoraggiati da questi risultati iniziali di laboratorio», afferma Mikael Dolsten, MD, Ph.D., Chief Scientific Officer e Presidente, Worldwide Research, Development and Medical di Pfizer. «Questi dati suggeriscono che la nostra terapia orale contro il COVID-19 può essere uno strumento importante ed efficace nella nostra continua battaglia contro questo virus devastante e le attuali varianti preoccupanti, incluso l'Omicron altamente trasmissibile.i risultati in vitro continueranno a essere convalidati».

 

I test

Nel primo di questi studi in vitro condotti da Pfizer, nirmatrelvir è stato testato contro l'Mpro, un enzima che il coronavirus ha bisogno di replicare, da diverse varianti di SARS-CoV-2 preoccupanti (VoC), incluso Omicron, in un test biochimico. I risultati hanno mostrato in tutti i casi che il nirmatrelvir era un potente inibitore del suo bersaglio. Il Ki di Nirmatrelvir - una misura della sua capacità di legarsi a un enzima - era di circa 1 nanomolare (nM) (o cambiamento di piega Ki <1) sia per l'Omicron che per la variante originale di Washington (USA-WA1/2020) in questo test, indicando la sua continua capacità di prevenire la replicazione virale in vitro . Questi risultati, insieme a una struttura cristallina che dimostra come il nirmatrelvir si lega alla variante Omicron, sono stati inviati al server di prestampa online bioRxiv.

 

 

In un secondo studio in vitro condotto da Pfizer, nirmatrelvir è stato testato contro diversi VoC SARS-CoV-2, incluso Omicron, in un test antivirale basato su cellule. La riduzione della carica virale è stata misurata attraverso l'analisi della reazione a catena della polimerasi (PCR), un test progettato per rilevare il virus. L'EC 50 di Nirmatrelvir, una misura della potenza del farmaco che mostra una concentrazione efficace nel produrre il 50% della risposta massima, era di 16 nM per la variante Omicron, rispetto a 38 nM per la variante USA-WA1/2020, riaffermando la sua robustezza in vitro attività antivirale. Questi risultati sono in linea con i valori che sono stati osservati per altri VoC (Alpha, Beta, Gamma, Delta, Lambda e Mu) in questo test, con EC 50misure comprese tra 16 e 127 nM rispetto a USA-WA1/2020, dove EC 50 era 37 nM. I risultati di questo studio sono stati inviati al server di prestampa online bioRxiv e saranno inviati a una rivista peer-reviewed.

 

Altri studi

Un ulteriore studio, condotto dalla Icahn School of Medicine at Mount Sinai (Icahn Mount Sinai) in collaborazione con Pfizer, ha utilizzato un test basato sull'immunofluorescenza specifico per SARS-CoV-2 per rilevare in modo simile il virus e misurare la potenza in vitro di nirmatrelvir , così come alcuni altri farmaci terapeutici COVID-19 autorizzati/approvati, contro i COV. In questo test, i trattamenti sono stati testati contro le varianti Alpha, Beta, Delta e Omicron in due linee cellulari. CI 50 sono stati osservati valori - una misura dell'efficacia del farmaco che indica la concentrazione necessaria per inibire l'infezione della metà - compresi tra 22 e 225 nM per nirmatrelvir rispetto a USA-WA1/2020, dove l'IC50 era compreso tra 38 e 207 nM. I risultati di questo studio sono stati inviati al server di prestampa online bioRxiv e saranno inviati a una rivista peer-reviewed. Questi risultati sono coerenti con i dati resi disponibili al pubblico il 28 dicembre 2021 dall'Istituto Rega presso KU Leuven in Belgio tramite il server di prestampa online, bioRxiv , e confermano i risultati di Pfizer secondo cui nirmatrelvir è l'unico somministrazione orale, autorizzato/approvato composto che, ad oggi, ha dimostrato di avere una bassa attività nanomolare in vitro contro Omicron. "Omicron si sta dimostrando una variante formidabile e altamente trasmissibile di un virus già dannoso", ha affermato Kris White, Ph.D., assistente professore presso il Dipartimento di microbiologia presso Icahn Mount Sinai).

 

I risultati

Siamo incoraggiati a vedere i primi dati che dimostrano che questo trattamento orale mantiene una solida attività antivirale in vitro contro di esso, così come altre varianti di preoccupazione». Gli attuali VoC possono essere resistenti ai trattamenti che funzionano legandosi alla proteina spike trovata sulla superficie del virus SARS-CoV-2. Paxlovid, tuttavia, agisce a livello intracellulare legandosi all'Mpro altamente conservato del virus SARS-CoV-2. Dati precedenti hanno anche indicato che Paxlovid mantiene l' efficacia in vitro contro i VoC precedenti e attuali, inclusi Alpha, Beta, Gamma, Delta, Lambda e Mu. Paxlovid è attualmente autorizzato per l'uso condizionale o di emergenza in diversi paesi del mondo. Pfizer ha presentato domande di approvazione o autorizzazione normativa a più agenzie di regolamentazione e prevede che seguiranno ulteriori decisioni normative.

Ultimo aggiornamento: 18:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA