Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Omicron, un paziente su 4 è contagioso per almeno 8 giorni: ecco la ricerca di Nature

Venerdì 29 Luglio 2022
Omicron, un paziente su 4 è contagioso per almeno 8 giorni

Studi in corso di pubblicazione dimostrano che un paziente Omicron su 4 resta contagioso almeno 8 giorni. Lo riferisce una ricerca online pubblicata su Nature. Una serie di studi confermano come molte persone affette da Covid rimangano contagiose ben oltre la seconda settimana dall'inizio dei sintomi. «I dati sulla durata dell'infezione non sono cambiati», afferma Amy Barczak, specialista in malattie infettive presso il Massachusetts General Hospital di Boston, aggiunge: «non ci sono dati a sostegno di cinque giorni o di qualcosa di più breve di dieci giorni di isolamento».

Covid Roma, effetto vacanze: record di test fai da te. «E i positivi vanno in giro»

Tempi di contagio: parola agli esperti

La ricerca della stessa Barczak, in via di pubblicazione, suggerisce che un quarto delle persone che hanno contratto la variante Omicron, potrebbero essere ancora contagiose dopo otto giorni. «Anche se non è semplice sapere per quanto tempo una persona affetta da Covid resti contagiosa», afferma Benjamin Meyer, virologo dell'Università di Ginevra in Svizzera.

Secondo Meyer, le varianti emergenti, le vaccinazioni e i diversi livelli di immunità naturale provocati da un'infezione precedente possono modificare il tempo per cui una persona resta contagiosa. Un aspetto su cui concorda la maggior parte degli scienziati, si legge su Nature, è che i tamponi molecolari possono dare un risultato positivo anche quando una persona non è più contagiosa.

Questo probabilmente accade quando i test rilevano residui virali non infettivi. «I test rapidi antigenici su questo fronte sono più attendibili se si vuole essere sicuri di non essere più contagiosi», afferma Emily Bruce, microbiologa e genetista molecolare presso l'Università del Vermont a Burlington. 

Covid, allo studio nuove regole: sul tavolo quarantene

Ultimo aggiornamento: 16:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA