Intolleranza ereditaria al fruttosio, progetto al Policlinico Federico II di Napoli

Sabato 2 Aprile 2022
Intolleranza ereditaria al fruttosio, progetto al Policlinico Federico II di Napoli

Coloro che soffrono di intolleranza ereditaria al fruttosio da oggi potranno ricevere un piano alimentare personalizzato. Grazie all'associazione intolleranza fruttosio (Aif) e al dipartimento di Medicina Interna ad indirizzo Specialistico dell'Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli, è in corso un progetto di ricerca per il trattamento dietoterapico dell'intolleranza ereditaria al fruttosio.

Il progetto mira ad individuare una dieta personalizzata per tutti i fruttosemici, un piano alimentare equilibrato senza far mancare il giusto apporto delle sostanze necessarie ad una crescita sana. Un'iniziativa rivolta a tutti i pazienti fruttosemici dai 16 anni in poi. L'intolleranza ereditaria al fruttosio è una malattia genetica rara causata dagli zuccheri presenti nella frutta, nella verdura e nei prodotti alimentari industriali. Per questo spesso si tende ad eliminare moltissimi alimenti dalla dieta alimentare quotidiana. L'obiettivo del progetto, è di determinare un piano alimentare specifico individuando il giusto mix nutrizionale per ogni singolo paziente, cercando di ridurre al minimo gli alimenti da eliminare.

Video

Un'equipe multidisciplinare di medici, biologi e dietisti esperti in scienza dell'alimentazione guidati dalla professoressa Bruna Guida, responsabile del programma dipartimentale, seguirà tutte le fasi ed effettuerà per ogni paziente una valutazione dello stato nutrizionale attraverso una serie di screening biochimici, di valutazione della composizione corporea (massa grassa, massa magra e acqua corporea) e della forza muscolare. Per ricevere gratuitamente il piano alimentare personalizzato è necessario prenotarsi telefonicamente ai numeri sottoindicati o tramite mail e recarsi il martedì o il giovedì dalle ore 14.30 presso l'edificio 19 ambulatori di dietetica dell'Università degli Studi di Napoli Federico II.

© RIPRODUZIONE RISERVATA