Renzo Arbore e Neri Marcorè, testimonial della nuova campagna della Lega del Filo d'Oro

Lunedì 17 Gennaio 2022
Renzo Arbore e Neri Marcorè, testimonial della nuova campagna della Lega del Filo d'Oro

Un filo prezioso che unisce le persone sordocieche con il mondo esterno: è questo il concetto che dal 1964 ha ispirato sia il nome che l'attività della Lega del Filo d'Oro, fino a renderla il più importante punto di riferimento in Italia per l'assistenza, l'educazione, la riabilitazione, il recupero e la valorizzazione delle potenzialità residue e il sostegno alla ricerca della maggiore autonomia possibile delle persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali. E a quel 'filo aureo della buona amicizia' - che per la fondatrice Sabina Santilli ha rappresentato il valore basilare dello spirito visionario dell'Ente, da sempre animato dal coraggio di vedere e ascoltare 'oltrè ciò che è possibile, al fine di rendere la propria missione sostenibile e replicabile nel futuro - si ispira anche il concept della nuova campagna di comunicazione della Fondazione, dal titolo 'È l'amore che ci lega' e firmata Arkage, che vede come protagonisti i due testimonial storici Renzo Arbore e Neri Marcorè.

Video

Un importante e simbolico trait d'union, che grazie all'impegno e al sostegno di educatori, psicologi, medici, terapisti, volontari e donatori, aiuta ogni giorno tanti bambini e adulti sordociechi e pluriminorati psicosensoriali ad uscire dall'isolamento, fatto di buio e silenzio, in cui sono costretti a vivere. «È un filo di speranza a cui ognuno di loro si aggrappa - sottolinea Neri Marcorè nello spot di campagna - in un percorso sempre diverso, che stimola le abilità cognitive, sensoriali e comunicative». Ma è soprattutto «l'amore che ci mette la Lega del Filo d'Oro. Un filo d'oro che è nelle tue mani», esorta Renzo Arbore. La nuova campagna di comunicazione della Fondazione nasce con l'obiettivo di promuovere e rafforzare presso l'opinione pubblica la conoscenza della mission e dei valori identitari dell'Ente: nel nostro Paese quasi 190mila persone vivono avendo perso in tutto o in parte la vista e l'udito e sebbene 7 Italiani su 10 sappiano che la sordocecità può presentarsi alla nascita (per infezioni in gravidanza, nascita prematura, malattie rare, ecc.) o può arrivare nel corso della vita (a causa di traumi, gravi malattie, ecc.), solo 1 Italiano su 3 sa che le persone sordocieche convivono 6 volte su 10 con altre disabilità.

Ultimo aggiornamento: 19:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA