Ringiovanite le cellule staminali del cervello di un ratto

Ringiovanite le cellule staminali del cervello di un ratto anziano: il risultato, pubblicato sulla rivista Nature, si deve all'università britannica di Cambridge e potrebbe avere ricadute importanti sulle malattie neurologiche umane legate all'invecchiamento, visto che il topo eè uno degli animali geneticamente più vicini all'uomo.

Con l'eta' muscoli e articolazioni si irrigidiscono, rendendo piu' difficoltosi i movimenti e nel cervello accade qualcosa di simile: con l'invecchiamento diventa piu' rigido e si producono disfunzioni nelle sue cellule staminali. La scommessa è allora farle ringiovanire.

Analizzando il cervello di ratti giovani e anziani, i ricercatori hanno cercato di capire l'impatto della rigidita' da invecchiamento sulle cellule progenitrici delle cellule nervose chiamate oligodendrociti (Opc), importanti per mantenere le normali funzioni del cervello e rigenerare la mielina, ossia la guaina che avvolge i nervi e che viene danneggiata nella sclerosi multipla. Gli effetti dell'eta' su queste cellule contribuiscono infatti alla malattia, ma sono evidenti anche nelle persone sane.
Lunedì 19 Agosto 2019, 21:59 - Ultimo aggiornamento: 19-08-2019 23:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP