Covid, Galli: «La terza ondata? Non ci sono segni di peggioramento, ma non possiamo cantare vittoria»

Mercoledì 20 Gennaio 2021
Covid, Galli: «La terza ondata? Non ci sono segni di peggioramento, ma non possiamo cantare vittoria»

Sul virus arriva un pizzico di ottimismo. Non ci sarebbero infatti, al momento, segnali di una terza ondata di Covid-19 negli ospedali di Milano. «Siamo in una situazione abbastanza statica, non così migliorata per poter cantare vittoria, ma negli ultimissimi giorni senza palesi segni di peggioramento, quelli che paventavamo soltanto una settimana fa. Bisogna avere i nervi saldi e avere la capacità di gestire giorno dopo giorno come vanno le cose», afferma Massimo Galli, infettivologo dell'ospedale Sacco e dell'università Statale di Milano, a Rainews24.

Covid in Cina, trovati 6 nuovi positivi a Pechino: il governo mette in lockdown 1,7 milioni di persone

Quanto all'inserimento dei test antigenici rapidi nel computo complessivo dei tamponi, «può generare qualche confusione, ma è talmente importante l'estensione della diagnostica che non mi sento di condannare questa pratica».

Covid in Israele, il siero è debole: «Positivi 12mila vaccinati». Ritirati lotti in California

 

 

Ultimo aggiornamento: 13:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA