Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Tumore seno, anticorpo "coniugato" più efficace della chemioterapia: nei casi gravi aumenta la sopravvivenza

Domenica 5 Giugno 2022
Tumore seno, anticorpo "coniugato" più efficace della chemioterapia: nei casi gravi aumenta la sopravvivenza

Tumore al senola neoplasia più diffusa in Italia e che conta ancora 55mila nuove diagnosi l'anno, inizia oggi a fare meno paura. Nuovi farmaci sono in arrivo e anche per le forme più avanzate, per le quali finora si disponeva di poche armi terapeutiche, si aprono nuove possibilità di trattamento: l'ultima novità è rappresentata dagli anticorpi coniugati, una nuova chemioterapia intelligente, ovvero smart, che, come un cavallo di Troia, attraverso l'anticorpo porta il chemioterapico direttamente dentro la cellula tumorale. 

Tumore al seno, esame del sangue dirà se la cura va bene dopo 15 giorni. E si evita la Tac

Tumori, terapia rivoluzionaria

Un nuovo approccio che si è dimostrato in grado di allungare significativamente la sopravvivenza delle pazienti con l'obiettivo di rendere la malattia cronicizzata. I nuovi dati relativi agli anticorpi coniugati, che gli oncologi hanno definto una terapia «rivoluzionaria», sono presentati con grande risalto in assemblea plenaria al congresso della Società americana di oncologia clinica (ASCO), il maggiore appuntamento mondiale del settore, e rappresentano un messaggio di speranza per migliaia di pazienti. Se per le forme in stato iniziale le prospettive di guarigione sono molto alte arrivando al 90% dei casi, le novità riguardano dunque soprattutto le forme di cancro al seno metastatico, spesso 'orfanè di cure. È il caso delle donne con tumore al seno avanzato caratterizzato da una bassa espressione della proteina Her2: si tratta di un gruppo che finora non poteva beneficiare di trattamenti specifici, dal momento che anticorpi in uso non si sono dimostrati efficaci nei casi di negatività ala proteina Her2. Ora, invece, un nuovo studio presentato all'ASCO cambia la prospettiva clinica anche per queste pazienti, che diventano un nuovo gruppo 'trattabilè definito Her2-low (Her2-livello basso).

Tumori seno, colon e utero: nel Lazio controlli in un click, le prenotazioni in farmacia

Tumori, scoperti 5 nuovi cibi scudo: ecco quali alimenti assumere per prevenire e curare il cancro

Tumori, si allarga la platea

Si allarga quindi sempre di più la platea di donne con tumore avanzato che oggi possono sperare in una cura. Il nuovo anticorpo monoclonale cosiddetto 'coniugatò - perchè l'anticorpo (trastuzumab) si lega con la molecola chemioterapica (deruxtecan) - ha infatti dimostrato di migliorare la sopravvivenza globale e di raddoppiare la sopravvivenza libera da progressione della malattia rispetto alla chemioterapia standard in queste pazienti. I risultati arrivano dallo studio DESTINY-Breast04 su 557 pazienti in Asia, Europa e Nord America. Ad un follow up di 18 mesi, le pazienti che avevano ricevuto l'anticorpo coniugato hanno evidenziato una riduzione del 49% del rischio di progressione del cancro e del 36% del rischio di morte rispetto a coloro che hanno ricevuto chemioterapia standard. Dunque, afferma l'autore principale dello studio Shanu Modi, del Memorial Sloan Kettering Cancer Center di New York, «è importante che i pazienti sappiano quale livello di proteina Her2 esprime il loro cancro, non solo se è positivo o negativo a questa proteina, soprattutto perché lo stato di Her2 basso può essere determinato con semplici test». 

Tumore al seno curato senza chemio, a Monza lo studio sperimentale: «Grande soddisfazione delle pazienti»

Tumori Her2-low, quanti sono

I tumori Her2-low, sottolinea il presidente dell'Associazione italiana di oncologia medica (Aiom) Saverio Cinieri, «costituiscono il 55% di tutti i carcinomi mammari. Al momento, questi pazienti ricevono la chemioterapia tradizionale, ma questo nuovo studio cambia l'algoritmo di cura e la pratica clinica, perché abbiamo la possibilità di trattare i pazienti con un anticorpo coniugato riducendo gli effetti collaterali della chemioterapia e migliorando la sopravvivenza. Si va insomma verso un futuro in cui la chemioterapia 'classicà non ci sarà piu». Ma dal congresso arriva un'ulteriore novità. Un altro studio ha infatti dimostrato che un esame del sangue potrebbe rivelare in soli 15 giorni se la cura antitumorale per le donne con cancro al seno metastatico di tipo Her2 negativo sta funzionando oppure no. Intanto, l'Asco ha ampliato a ulteriori categorie di pazienti l'uso dei test genomici che permettono di identificare le donne con cancro al seno che non necessitano di ricorrere alla chemioterapia dopo l'intervento chirurgico. Test il cui uso, affermano gli oncologi Usa, va ulteriormente incentivato tra le pazienti che hanno l'indicazione ad effettuarlo.

Tumore al seno metastatico triplo negativo, riparte la campagna "Donne in meta"

Ultimo aggiornamento: 6 Giugno, 13:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA