Bere tè (troppo) caldo può provocare tumori, inserito nella lista delle sostanze cancerogene dell'Airc

Bere tè caldo può provocare tumori, inserito nella lista delle sostanze cancerogene dell'Airc
Bere tè caldo può provocare tumori, inserito nella lista delle sostanze cancerogene dell'Airc
Venerdì 7 Ottobre 2022, 22:56 - Ultimo agg. 9 Ottobre, 16:16
2 Minuti di Lettura

Le bevande troppo calde possono provocare tumori. Tè, ciccolata, mate. Ma anche gli infusi e tutto ciò che viene bevuto a una temperatura troppo elevata porta con sé il rischio di un effetto cancerogeno per il proprio corpo. Nel nostro Pease il consumo di liquidi (quasi) bollenti non è così alto come in altre culture. Ma bisogna lo stesso fare attenzione. E cercare di prendere alcuni accorgimenti per salvaguardare la propria salute.

Bere tè (troppo) caldo provoca tumori, lo studio

Diversi studi scientifici hanno dimostrato che chi consuma più volte al giorno bevande molto calde, a una temperatura superiore a 60-65°C, ha una probabilità più alta di sviluppare il tumore dell’esofago. La relazione tra consumo di bevande molto calde e tumore dello stomaco o delle vie aeree e digestive superiori non è invece provata.

Tumori e inquinamento, l'effetto delle discariche: «La Capitale maglia nera»

Perché il rischio aumenta

L’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) ha inserito le bevande calde tra le sostanze probabilmente cancerogene (gruppo 2A). Caffè e mate (una bevanda tipica dell’America Latina), quando non sono consumati bollenti, rientrano nel gruppo 3, quello delle sostanze non classificabili come cancerogene per l’uomo, a riprova del fatto che è il calore a renderle potenzialmente pericolose. È consigliabile lasciare raffreddare le bevande a una temperatura inferiore a 60°C prima di consumarle.

@il_dena Il tè sopra i 65°C è probabilmente cancerogeno? #imparaconTikTok ♬ Get You The Moon - Kina

© RIPRODUZIONE RISERVATA