Vaccini e autismo: ecco la verità svelata da un dottore

Sabato 4 Marzo 2017
Dopo molti dubbi e anche cause legali i vaccini sembra vengano scagionati da ogni accusa. "I vaccini non c’entrano niente con l’autismo: questo è certo tanto quanto che la terra non è piatta". Roberto Burioni, professore Ordinario di Microbiologia e Virologia presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano, interviene con un post su Facebook per spiegare che "il motivo per cui tanti genitori pensano che l’autismo sia dovuto al vaccino contro il morbillo, la parotite e la rosolia (detto MPR) è legato al fatto che il vaccino MPR si somministra a 13-15 mesi e solitamente i segni e i sintomi dell’autismo diventano evidenti intorno ai 18 mesi: questo porta i genitori dei bambini autistici a scambiare per rapporto causa-effetto quella che è solo una coincidenza".

"In realtà - sottolinea Burioni, medico 'paladino' dei vaccini molto seguito sui social network - le cause dell’autismo sono genetiche come dimostrato per esempio dal fatto che un bambino che ha un fratello autistico ha 20 volte più probabilità di essere anche lui affetto da questa condizione clinica".

Il professore riferisce che "è appena uscito su Nature, una delle più prestigiose riviste del mondo, un lavoro molto interessante proprio sull’autismo. In questo studio si descrive come, attraverso una valutazione molto sofisticata delle dimensioni di alcune parti del cervello quando il bambino ha 6 mesi, si può diagnosticare con una notevole accuratezza l’autismo ben prima del comparire dei sintomi e dei segni clinici".

"Questa potrebbe essere una grande conquista medica, in quanto - diagnosticando l'autismo molto prima di quanto non avvenga ora - si potranno iniziare a sperimentare trattamenti in modo molto più tempestivo, fornendo forse nuove possibilità di cura e di guarigione per questi piccoli, per i quali si apre oggi una nuova concreta speranza" scrive Burioni.

"Dimenticavo, c’è anche un’altra conquista - aggiunge - Coloro che affermano che il vaccino causa l’autismo avranno qualche difficoltà a convincere i genitori impauriti che quello che viene diagnosticato a sei mesi è in realtà causato da un vaccino che viene somministrato quasi un anno dopo".

"Siccome io sono un esperto in virus, batteri e vaccini ma non nel campo delle neuroscienze - conclude Burioni - questo post l'ho scritto a quattro mani con Adriano Aguzzi, che oltre ad essere un collega e un amico che mi onora del suo affetto e della sua stima, è professore di Neuropatologia presso la facoltà di Medicina dell'Università di Zurigo. Adriano è sicuramente tra i cinque maggiori esperti al mondo in questo campo e, anche se lui nega, è sull'orlo del premio Nobel che meriterebbe ampiamente per le sue ricerche di importanza indicibile". Ultimo aggiornamento: 18:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA