Vaccini, il 94% dei pazienti con il cancro «ha sviluppato una buona risposta immunitaria»: l'ultima ricerca

Domenica 4 Luglio 2021
Vaccini, il 94% di pazienti con il cancro «risponde bene alle somministrazioni»: l'ultima ricerca

Circa il 94% delle persone con cancro ha sviluppato una buona risposta immunitaria ai vaccini mRNA Covid-19 tre o quattro settimane dopo aver ricevuto la loro seconda dose, secondo un nuovo studio con diversi ricercatori di origine indiana. Lo studio, pubblicato sulla rivista Cancer Cell, ha indicato che tra i 131 pazienti studiati, il 94% ha sviluppato anticorpi contro il coronavirus. Sette pazienti ad alto rischio no. «Non siamo riusciti a trovare anticorpi contro il virus in quei pazienti», ha affermato il ricercatore Dimpy P. Shah dell'Università del Texas Health Science Center di San Antonio.

Vaccini e cancro, buone risposte

Tra i gruppi ad alto rischio, i pazienti che hanno ricevuto una terapia chiamata Rituximab entro sei mesi dalla vaccinazione non hanno sviluppato anticorpi. Il rituximab è un anticorpo monoclonale utilizzato nel trattamento dei tumori ematologici e delle malattie autoimmuni.

Variante Epsilon, nuova mutazione del virus rilevata in California: è più resistente agli anticorpi

I pazienti in chemioterapia tossica per le cellule hanno sviluppato una risposta anticorpale, ma è stata attenuata rispetto alla popolazione generale. «Come si collega alla protezione contro Covid-19, non lo sappiamo ancora», ha detto Dimpy Shah.

La variante Delta e altri mutanti del virus Covid-19 non sono stati esaminati nello studio. Il team inoltre non ha analizzato la risposta delle cellule T e B che combattono le infezioni nei pazienti con cancro.

Varianti, cresce il rischio: oltre alla Delta altri 4 ceppi. E tornano a salire i positivi

Vaccino, gli effetti collaterali «non sempre sono un segnale negativo»: lo studio americano

«I pazienti con neoplasie ematologiche, come il mieloma e il linfoma di Hodgkin, avevano meno probabilità di rispondere alla vaccinazione rispetto a quelli con tumori solidi», ha affermato Pankil K. Shah dell'ospedale universitario di Ginevra. L'età media dei pazienti nello studio era di 63 anni. La maggior parte dei pazienti (106) aveva tumori solidi rispetto a tumori ematologici (25).

 

 

Ultimo aggiornamento: 12:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA