Vaccino ai bambini di 6-11 anni, Moderna annuncia i risultati: robusta risposta immunitaria

Lunedì 25 Ottobre 2021
Vaccino ai bambini di 6-11 anni, Moderna annuncia i risultati: robusta risposta immunitaria

Dopo Pfizer, che va verso l'approvazione, è il turno di Moderna che ha annunciato risultati positivi per il suo vaccino anti Covid sui bambini tra i 6 e gli 11 anni. Lo ha reso noto la casa farmaceutica, che intende sottomettere i dati alle autorità regolatorie internazionali «a breve termine» per ottenere l'autorizzazione alla somministrazione. I test clinici condotti su oltre 4700 bambini di questa fascia d'età hanno mostrato una risposta immunitaria «robusta» a livello di anticorpi, e un profilo di sicurezza «favorevole», ha assicurato Moderna in una nota.

 

Sabato 23 ottobre l'Agenzia federale americana per il farmaco (Fda) ha confermato l'efficacia del vaccino Pfizer per prevenire le infezioni da covid nei bambini tra i 5 e gli 11 anni. La Fda ha postato i risultati della sua analisi sul siero di Pfizer nella notte di venerdì, in vista di una riunione prevista per questa settimana per discutere se dare il via libera alla vaccinazione di circa 28 milioni di bambini americani.

 

 

Bassetti: vaccino agli under 12 è sicuro

«Avere la vaccinazione per bambini tra 5 e 11 anni vorrebbe dire proteggere tutta la fascia di studenti che frequenta le scuole, dalle elementari alle medie. Le società scientifiche di pediatri e infettivologi si sono già espresse, e hanno detto che è bene che i bambini si vaccinano. Se un genitore non vuole vaccinare il figlio, secondo me sbaglia» perché quello contro il Covid è «un vaccino persino più sicuro rispetto a altri». Così ad Agorà extra, su Rai Tre, Matteo Bassetti, professore ordinario all'Università di Genova e direttore della Clinica Malattie Infettive Ospedale Policlinico San Martino in merito al parere favorevole dato dalla Fda sulla efficacia e la sicurezza del vaccino Pfizer anche per i bambini sotto i 12 anni. Questi vaccini, ha precisato, sono «sicuri tanto quanto altri obbligatori» e forse «anche di più», perché «abbiamo vaccinato in un periodo di tempo così breve oltre 6 miliardi di persone, e per autorizzarli abbiamo condotto studi con una numerosità di pazienti e una rigorosità scientifica che non erano mai stati raggiunti prima, grazie al fatto che avevano il faro puntato dell'opinione pubblica. C'è stato uno sforzo straordinario mai fatto prima».

 

 

Locatelli: nessun timore per il vaccino ai bimbi

«Non ci sono timori per i bambini, anche perché il giorno in cui Pfizer ha dato notizia dell'efficacia del 91%, la Fda ha chiaramente detto che i benefici derivanti dall'immunizzazione superano chiaramentietutti i possibili rischi». Lo ha detto Franco Locatelli, coordinatore del Cts, a Che tempo che fa.

 

 

Ultimo aggiornamento: 17:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA