Vaccino, come prenotarsi nel Lazio, Lombardia, Campania, Abruzzo, Umbria. Nelle Marche basta rivolgersi al postino

Venerdì 26 Febbraio 2021 di Diodato Pirone
Vaccino, come prenotarsi nel Lazio, Lombardia, Campania, Abruzzo, Umbria. Nelle Marche basta rivolgersi al postino

Con troppa lentezza il sistema delle prenotazioni dei vaccini sta finalmente prendendo piede in tutte le Regioni italiane. Ecco una breve guida per prenotarsi senza perdere tempo nelle principali regioni del Centro e del Nord. Una curiosità: nelle Marche per prenotarsi ci si può rivolgere al postino.

 

Covid a Bologna, ragazzina di 11 anni ricoverata: non ha patologie pregresse, è in gravi condizioni

Covid, Antonella Viola: «Impossibile 70% di italiani immuni entro l'estate. Vaccino dose unica? Errore gravissimo»

 

 

Lazio

 

Sul sito https://prenotavaccino-covid.regione.lazio.it/main/home fin dai primi di febbraio  possono prenotare la propria vaccinazione sia gli ultraottantenni che tutti i dipendenti della scuola e dell'università.

Può prenotare la vaccinazione il personale assistito dal Servizio Sanitario Regionale (SSR) della Regione Lazio,
ovvero tutti coloro che sono assistiti da un medico di famiglia convenzionato con il SSR della Regione Lazio.

Per prenotare occorre la Tessera Sanitaria in corso di validità per comunicare:

1. Il Codice Fiscale
2. Le ultime 13 cifre del codice numerico (TEAM) posto sul retro della tessera

Gli ultraottantenni possono essere essistiti da un familiare.

 

Lombardia

 

Per i cittadini lombardi che hanno più di 80 anni (comprese le persone nate nel 1941) è possibile manifestare la propria adesione alla vaccinazione anti Covid-19 collegandosi a vaccinazionicovid.servizirl.it

Dal 26 febbraio 2021 possono aderire alla campagna vaccinale, tramite piattaforma vaccinazionicovid.servizirl.it anche i cittadini di età superiore ai 60 anni residenti nei seguenti Comuni della zona arancione "rafforzata":

per la provincia di Brescia: Capriolo, Iseo, Palazzolo sull’Oglio, Paratico, Pontoglio, Roccafranca, Rudiano, Urago d’Oglio;
per la provincia di Cremona: Soncino

I cittadini dei Comuni a rischio della Provincia di Bergamo (di età compresa tra i 60 e i 79 anni) aderiranno, invece, attraverso la piattaforma www.prenotavaccino.app, attiva a partire dalle 14:00 del 26 febbraio. Sono coinvolti i cittadini dei seguenti Comuni: Calcio, Castelli Calepio, Cividate al Piano, Adrara San Martino, Credaro, Gandosso, Palosco, Predore, Pumenengo, Sarnico, Tavernola Bergamasca, Telgate, Torre Pallavicina, Viadanica, Villongo.

Per la richiesta della vaccinazione è necessario avere a portata di mano:

la Tessere Sanitaria – Carta Nazionale dei Servizi del soggetto da vaccinare
il Numero di cellulare / Telefono fisso

La richiesta di adesione per gli over 80 può essere inserita anche da un familiare o caregiver della persona da vaccinare.

In alternativa possono fornire supporto per l’inserimento dei dati:

il Medico di Medicina Generale che resta il riferimento clinico e sanitario principale a cui fare riferimento
la rete delle farmacie

Per chi ha una grave disabilità che non consente lo spostamento in autonomia o di essere accompagnato in un centro vaccinale, è necessario contattare il Medico di medicina generale: compilerà il modulo di adesione alla vaccinazione specificando che dovrà essere gestita attraverso un’altra modalità.

 

Campania

 

Facilissimo prenotarsi anche per la Regione Campania. Basta collegarsi a questo sito: https://adesionevaccinazioni.soresa.it/adesione/cittadino. Per il momentola campania convoca i cittadini presso i prorpi centri vaccinali, in futuro quando ci sarà una maggiore disponibilità di vaccini, saranno coinvolti anchge i medici di famiglia.

 

Abruzzo

 

L'Abruzzo ha riservato un canale ad hoc per gli ultraottantenni. Il sito cui collegarsi è: Vaccinocovid-19 ultra-ottantenni-disabili-fragili. In Abruzzo fino a oggi sono stati vaccinati circa 15.000 persone con più di 80 anni.

 

Umbria

 

La Regione Umbria ha aperto solo ieri il sito per le prenotazioni on line che, com'era prevedibile, è stato preso d'assalto ed è andato in tilt. Comunque poi lentamente le prime registrazioni sono state effettuate

Le modalità di prenotazione sono due: 

1) tramite il portale web dedicato https://vaccinocovid.regione.umbria.it:  è sufficiente disporre del codice fiscale e del numero di cellulare. Una volta effettuata la prenotazione il cittadino riceverà un sms con l’indicazione del luogo e dell’ora in cui dovrà presentarsi, sia per la prima dose, che per la seconda;
2) oppure nelle farmacie.

 

Marche

 

I cittadini delle Marche possono prenotare l'appuntamento per la vaccinazione anti Covid-19 rivolgendosi al proprio portalettere o attraverso i 13 bancomat presso gli uffici postali. Poste Italiane ha potenziato la propria infrastruttura tecnologica garantendo ulteriore supporto alla Regione Marche.

Dopo il via alle prenotazioni del 12 febbraio scorso attraverso il sito (www.prenotazioni.vaccinicovid,gov.it) e il numero verde 800.009.966, chi ha più di  80 anni (o loro delegati) avranno a disposizione anche la task force di 889 postini per la prenotazione del vaccino. Tessera sanitaria in corso di validità e numero di cellulare alla mano, i nati fino al 1941 potranno richiedere al postino di verificare in tempo reale la disponibilità di appuntamenti presso i centri vaccinali limitrofi e di prossimità.

Il portalettere, attraverso la funzione "prenotazione vaccini" sviluppata per il palmare che già usano per le raccomandate, verificherà le disponibilità in base al Cap. Il sistema informatico si interfaccerà direttamente con i centri vaccinali e selezionerà gli slot ancora disponibili. Questa modalità resterà attiva anche per le successive fasi di vaccinazione. Per gli Atm Postamat sarà sufficiente inserire la tessera sanitaria, digitare i dati richiesti e ritirare il promemoria con i dettagli della prenotazione. Poste Italiane ha messo a disposizione la più grande flotta aziendale nell'emergenza Covid-19: oltre a gestire la piattaforma di prenotazione dei vaccini, ci sono la consegna in tutto il territorio nazionale dei dispositivi di protezione, attrezzature sanitarie e il trasporto delle dosi di vaccino Moderna e AstraZeneca ai presidi ospedalieri.

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 27 Febbraio, 17:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA